Impatto Yoga

Questo post è dedicato a tutti coloro che praticavano, che praticano e che andranno a praticare lo YOGA, ma soprattutto è dedicato a coloro che hanno mollato ancor prima di iniziare e a quelli che si sono arresi dopo la prima lezione.
Il giorno 2 ottobre ho iniziato a fare Yoga, e più precisamente Hatha Yoga, dopo anni di vari pensamenti e riflessioni sul fatto se fosse o meno il caso di fare uno sport così “slow”.
Veniamo subito al sodo. La prima Lezione è stata una grossa delusione.
Ma vorrei fare una prima premessa. Fin da bambina ho fatto sport, ma soprattutto ho praticato sport per anni, ogni disciplina intrapresa l’ho seguita per anni, con costanza e dedizione, considerandole una sorta di valvola di sfogo. Dalla danza classica, alla pallacanestro, al tennis, allo sci, al nuoto, kick boxing e palestra, infine escursioni in montagna. Giustamente mi mancava lo Yoga.
Non è stato e non è un discorso di moda, o altro, ma semplicemente una Evoluzione del mio Essere. Visto e considerato che da anni medito, mi sembrava un giusto connubbio abbinare la meditazione allo yoga.
Seconda premessa da fare. Nel tempo mi ero fatta una mia idea “idilliaca” dello Yoga, una disciplina tranquilla, facile facile, dove non si suda, dove non c’è troppo sbattimento fisico, dove si sta seduti a gambe incrociate a recitare l’ “Om”, una disciplina molto “slow” e poco “action”, diciamo una sorta di ginnastica a corpo libero per quelle persone che non hanno più la voglia, la forza e la motivazione di fare uno sport un tantino più energico.
Questa ERA la mia opinione personale, tanto per capirci, prima di iniziare a fare Yoga. E sinceramente credo che questo mio pensiero fosse un pensiero piuttosto comune nelle persone che non hanno mai praticato lo Yoga.
Quindi dopo i miei vari filmini mentali, decido di iniziare a praticare questa disciplina.
Le prime lezioni, o perlomeno buona parte del primo mese sono state un vero disastro. Mi sembrava di fare ginnastica a corpo libero, in modo impegnativo ovviamente, avevo sempre una forte nausea a fine lezione ma soprattutto la difficoltà delle posizioni mi hanno totalmente spiazzato. Tra tutte le discipline sportive che avevo fatto è in assoluto il più difficile e il più tecnico. Ma ad oggi posso dire che è il più bello ed il più completo in assoluto di tutti.
Dopo quasi due mesi di pratica mi sento benissimo, sono molto più sciolta di prima e soprattutto al momento i miei dolori alla cervicale sono scomparsi. Per me all’inizio è stata una delusione perchè non mi aspettavo una disciplina così difficile, proprio perchè è nell’immaginario comune che lo Yoga sia una disciplina rilassante, facile facile, molto zen.
Ma non è così. E’ molto tecnica. Ma è proprio grazie a questa tecnica che lo Yoga permette di lavorare su tutto il corpo, su tutta la muscolatura, su tutte le articolazioni, sugli tutti organi interni, e su tutti i chakra.
Personalmente ho avuto benefici a dire poco sbalorditivi su tutto il corpo, in poco meno di due mesi. Nello specifico aiuta a rafforzare la muscolatura, a migliorare la flessibilità e l’equilibrio, aumenta la forza fisica ma soprattutto apporta una calma ed una pace interiore senza eguali ed infine si lavora sui centri energetici e sui chakra, sbloccandoli e rivitalizzandoli. Inoltre personalmente ho riscontrato un rinnovato “sentire” del mio corpo, sto instaurando un nuovo rapporto di amore e serenità col mio corpo fisico, e sembrerà una cosa molto strana ma nel vivere quotidiano spesso e volentieri ci si dimentica di questo involucro esterno così ampio e vasto come il corpo umano è. Sullo Yoga ci sarebbe da scrivere per dei giorni interi, e credo di non essere la persona più indicata visto che lo pratico da così poco tempo, ma vorrei dare giusto una breve infarinatura sullo Yoga, e soprattutto sui benefici fisici nel praticarlo.

Brevi accenni sullo Yoga
La pratica dello Yoga ha origine in India, ma è ormai entrata nelle abitudini occidentali da anni, merito dei benefici che apporta al corpo e alla mente.
La parola Yoga (dal sanscrito योग) significa unione e armonia, è una disciplina che permette di riportare armonia tra corpo, mente e spirito, riequilibrando il flusso di energia nel corpo e creando le condizioni interiori per ristabilire il benessere e ritrovare la pace interiore.
Esistono molti tipi di Yoga che presentano caratteristiche diverse, quindi in base alle esigenze personali si possono scegliere quello che è più giusto per te in questo momento. Sicuramente bisogna praticare per poter capire qual è il tipo di yoga che fa per te. Quello che sto praticando è l’ Hatha Yoga, è lo stile “classico” dello Yoga, è basato principalmente sulle posizioni fisiche (asana) unite a tecniche di respirazione (pranayama). Aumenta il tono e la flessibilità muscolare, la respirazione. E’ uno yoga concentrato più sull’aspetto fisico e meno su quello spirituale.

I benefici dello Yoga
Lo yoga, soprattutto se praticato costantemente, permette di ottenere benefici concreti sia sul piano fisico, sia su quello mentale e spirituale.

-Corpo
Grazie agli esercizi nella varie posizioni (asana) si ripristina il flusso di energia in tutto il corpo, percepirai maggiore energia fisica e un benessere generale. Gli esercizi sono funzionali per allungare i muscoli e i tendini, sciogliere le tensioni e i blocchi energetici nel tuo corpo. Acquisirai maggiore flessibilità nei legamenti e maggiore equilibrio, migliorerà la funzionalità dell’apparato respiratorio, le prestazioni fisiche e la stato di salute in generale.
-Mente
La pratica dello yoga aiuta nel diventare più consapevoli di Sé, delle proprie emozioni e a ritrovare un equilibrio interiore. Nella pratica di alcuni stili di yoga si utilizzano le affermazioni e i mantra che aiutano nel riequilibrio degli emisferi celebrali, donando armonia e pace mentale. Con la costanza della pratica migliora automaticamente la qualità dei pensieri e di conseguenza la nostra qualità di vita.
-Spirito
Tutta la pratica dello yoga ha una profonda radice spirituale, per cui tutti gli esercizi, sia fisici che non, hanno lo scopo di riportarci in contatto con noi stessi, facendoci ri-scoprire la parte divina in noi. Nella visione trasmessa dalla scienza dello Yoga siamo anime che dimorano in un corpo fisico, la cui essenza è Spirito.
Infatti il beneficio maggiore nella pratica dello yoga è quello di aiutarci nel riportare armonia tra corpo, mente e spirito.

In conclusione
Infine vorrei personalmente invitare tutti a provare questa disciplina, a sperimentarne personalmente i benefici che apporterà nelle vostre vite, soprattutto a quelle persone con problemi fisici alla schiena o alla cervicale come la sottoscritta, anche perchè personalmente ho scelto di praticare lo yoga due volte alla settimana piuttosto che prendere un farmaco anti-infiammatorio/anti-dolorifero come paliativo per i dolori alla cervicale.
E posso anche confermare che con lo Yoga si suda, e parecchio.
Ma se non senti la spinta verso questa pratica, ma vuoi trovare un modo per ritrovare la pace e l’armonia interiore potresti provare con la meditazione, una pratica che ti aiuterà a rientrare in contatto profondo con te stesso.
Namastè

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...