Un’ Ora con un Angelo – parte 2

AAM: Ma non ti suggeriamo mai di dire che il paradiso è sovraffollato. Ma non ti stiamo suggerendo di invitare sei o sette miliardi di individui o anime a trasferirsi con te. Cerchiamo di essere straordinariamente chiari. Devi lasciarli soli, perché hanno il loro percorso e il loro lavoro da fare.
Quello che stai facendo, arriveremo alla parte del perdono, ma quello che stai facendo è che ti stai comportando come un diapason, stai agendo come un armonizzatore e il ruolo dell’armonizzatore è diventato sempre più importante. Stai armonizzando l’intera orchestra.
Quindi pensaci, non stai assumendo il ruolo di direttore d’orchestra. Questa è un’impresa cooperativa e tu sei a turno come direttore d’orchestra, e tu sei tutti dei conduttori incredibilmente talentuosi, quindi dimentica quell’idea. Ma c’è un individuo che fa da diapason prima che l’orchestra suona la quinta di Beethoven. E armonizza tutti gli strumenti e fa in modo che tutti abbiano la loro musica, il loro posizionamento, i loro strumenti, che tutti siano pronti e che siano riscaldati, per così dire. Questo è quello che stai facendo con il collettivo.
E quello che stai dicendo, al violoncellista, è “Lo so, cuore mio, che in realtà hai tradito le tasse sul reddito e non sei fedele al tuo partner, ma non è quello che stiamo facendo qui. Ti vedo come il violoncellista perfetto, puro, dolce e capace, quindi forse quando stai suonando la musica la tua tendenza per queste partenze dalla verità della tua integrità scomparirà. Ma non sono incaricato di farlo per te. “Questo è ciò che sta avvenendo mentre vibrate verso l’intero collettivo.
Ora passiamo alla tua domanda sul perdono. E, sì, lo ripeterò ancora, il perdono non è permesso. Ognuno di voi ha le proprie preferenze su quelle che si ritiene abbiano condotto in modo aberrante, che siano state del tutto recalcitranti, o forse anche distanti. Hai la tua lista e non si tratta di negarla.
Ma poi, e tu lo farai, arriveremo a questo, andiamo al perdono personale, poi c’è la lista più vicina, quelli che sono veramente nel tuo schema di riferimento. E quando dico la tua struttura di riferimento, intendo il tuo cerchio, e intendo la tua vita. Quindi questo non è un politico distante, un industriale, un banchiere o un dittatore che ti ha offeso, questo è qualcuno con cui hai avuto esperienza.
Per molti di voi, questo è un ex partner, o un genitore, o un fratello o un caro, caro amico e per una serie di motivi che possono o non possono essersi disintegrati o creati a distanza, quando vi suggerisco che il perdono è la chiave . Amore, fiducia, perdono, unità, connessione ed equilibrio: questi sono i pilastri del tempio della Madre.
Quando ti suggerisco di entrare o praticare, di impegnarti, di perdonarti, e te l’ho già detto prima, ma il punto di partenza è il perdono del tuo meraviglioso, meraviglioso, sacro sé. Non può esserci unione sacra se prima non sei in unione con il tuo meraviglioso sé sacro.
In quel luogo di riconoscere che questo è stato, come posso dire, una vita per battere tutte le vite, che sei arrivato in un momento di cambiamento su questo pianeta quando l’amore sta rinascendo, ma tutte quelle cose che non sono d’amore hanno stato dilagante e ovvio, e discordante e in faccia. Sì, ognuno di voi ha sperimentato questo. Quindi stai riconoscendo che c’è stata discordia, disaccordo, disperazione, delusione. E ti stai perdonando, e poi perdoni l’altro.
Ora non stai dicendo, e devi essere chiaro su questo, “Non solo non ti sto dando il permesso. Non ti sto suggerendo di essere d’accordo con il tuo comportamento, il tuo sistema di credenze, il tuo percorso. Ma ti perdono perché tu non stia portando il peso del mio giudizio sulle tue spalle. E non sto portando il peso del mio giudizio sulle mie spalle “.
Quindi quello che stai facendo nel discernimento è che stai dicendo: “So che sei un essere divino, nato dal cuore della Madre. E a mio parere, nel mio discernimento, nella mia realtà e nel mio percorso, discendo che sento di aver sbagliato, o che non c’è spazio nel mio percorso per impegnarmi in questo comportamento, in questa intimità, in questa azione, ma ti perdono e ti faccio libero. ”
Ora alcune persone che perdoni, sei lì come un bambino perduto, sperando che diranno: “Bene, posso tornare ora?” Lascia che ti dia una risposta veloce, e questo è “no”. Perché, a meno che non ci sia un’alterazione nell’energia tra voi due, e intendo un’alterazione fondamentale in entrambi, allora ciò che state facendo veramente, sta semplicemente ricreando lo schema.
Nel perdono c’è generalmente, se è uno spazio di cinque minuti, diciamo, con un bambino che si comporta male, o dieci anni, ci deve essere uno spazio per respirare. Deve esserci un riallineamento di sé a se stessi. Quando sorgono situazioni in cui, su un livello molto personale e intimo in cui il perdono è necessario, desiderabile e necessario, significa che ci deve essere un riallineamento, ci deve essere una rivalutazione, un riallineamento e quindi la scelta di riconnessione o di necessità di riconnessione da valutare in quella rivalutazione.
Ma quando perdoni, togli il fardello dalle spalle e dalle spalle in modo che siate entrambi liberi di procedere in ciò che sapete nella vostra autorità divina e la vostra conoscenza divina è la vostra via. Quindi il perdono non significa necessariamente un nuovo impegno, caro cuore. Vorrei essere molto chiaro a riguardo.

SB: Signore, sto cominciando a pensare che forse non capisco cos’è il perdono. Cosa-cosa è esattamente il perdono?

AAM: Il perdono sta calpestando il tuo cammino … diventiamo ancora più basilari di così. Quando si agisce fuori da una posizione, di solito egoica, anche quando si pensa che sia spirituale, è spesso egoica, e ti posizioni di fronte o sopra la Madre e questo causa lesioni. A volte è intenzionale, alcuni dicono: “Oh, non intendevo questo; non è stato intenzionale “, un’indagine più approfondita e l’auto-riflessione mostreranno che, in realtà, è intenzionale. Forse non pienamente coscienti, ma in allineamento con ciò che chiameremmo altri desideri collettivi o egoici che sono al di fuori dell’amore. Quando si verificano quelle ferite … ora, sei chiaro su quella parte?

SB: Sì, sono chiaro su quella parte, sì. Grazie.

AAM: Va bene, quando si verificano quelle ferite c’è bisogno di perdono. Pensaci in questo modo. È quasi come se inviassi un messaggio di cuore, ingiungendo, ingiungendo – “en” – ingiungendo con il cuore della Madre, così lo stai mandando, pensandolo come un raggio laser, alla Madre, ingiungendoti della sua compassione, e di lei saggezza finale.
E poi attraverso quello, c’è un’altra linea laser per l’individuo. E stai dicendo, “c’è stato un passo falso, e accetto il mio ruolo in quel passo falso, sia per essere l’oggetto del tuo disallineamento o il tuo ego,” E chiamiamo questo perdono, questo, legato con compassione, e tu mandi questo energia d’amore nel cuore della persona, in modo che possano riallineare.
Quando invii alla Madre è pieno di una supplica, non solo di perdonare l’individuo che ti ha fatto del male, ha creato un danno, ma stai anche chiedendo alla Madre il tuo riallineamento allo stesso tempo. Così quando va alla Madre, e rimbalza nell’individuo che ha causato un danno, nello stesso tempo c’è un impulso che viene direttamente dalla Madre in te che sei simultaneamente e forse anche leggermente più avanti di quello che ti perdoni . Tendi a pensare al perdono come cuore a cuore, ma è più triangolato di così. È chiaro?

SB: Questa parte è anche chiara. Uhm, Hmm. Quindi ora hai portato delle scuse, um …

AAM: non necessariamente scuse verbali. Devo essere molto chiaro anche su questo.

SB: Mi chiedo se quello che sto cercando sia una descrizione di ciò che accade all’interno della persona che o perdona l’altro o si scusa con un altro. Cosa-cosa è, cosa succede, questo è ciò che è tutto questo, sai cosa sto dicendo?

AAM: È un’azione liberatoria, è un’azione di liberazione perché, come ho detto, quando perdoni ciò che stai facendo, ti stai togliendo il fardello dalle spalle. Pensa a quando sei stato ferito. E pensi a te stesso, “Beh, non so se posso perdonare quella persona.”
E ci pensi, e ci pensi, e tu rimugini, e il tuo cuore è pesante, e tu sei emotivamente un relitto. È veramente un peso. E perché vorresti portare quell’onere che è davvero il giudizio? Io non … “hai sbagliato tanto, hai fatto qualcosa di così terribile, hai fatto qualcosa che mi ha semplicemente offeso. Ma non so se posso perdonarti. “E poi tu dici:” Non so se posso perdonarti perché non voglio una ripetizione “.
Ecco perché sono così enfatico che non è il permesso per una ripetizione. Quindi, quando stai cercando di perdonare, e questo è così spesso quello che sentiamo dire umano, “Sto davvero cercando di perdonare X” è ridicolo perché in realtà quello che stai dicendo è che se ti scavi al di sotto di esso, dimentica l’altra persona, scavare sotto di esso, e quello che stai dicendo è che “Non so se posso perdonarmi per essere stato creato, un obiettivo, vulnerabile, in questo modo. Non so se posso perdonarmi per aver sbagliato, per essere aperto in questo modo. ”
E allo stesso tempo eccoci qui con te, dicendo “per favore resta aperto”. Così come questi vecchi paradigmi si stanno dissolvendo, c’è stata questa storia di passi falsi, di malversazioni, idee sbagliate e percezioni errate. Ma se non sei disposto a perdonare te stesso, e con te stesso di questo fardello, allora stai limitando te stesso, stai limitando l’idea, l’essenza, di chi sei.

SB: Posso intervenire per un momento, Signore?

AAM: Sì.

SB: Beh, c’è un elemento che viene lasciato fuori dalla descrizione, e quell’elemento è che il risentimento va bene. Sai, in assenza del fatto che io pensi che io possa fare alcuna differenza nel mondo, sono in quel posto, quindi quello con cui devo giocare è molto più limitato. E quindi sentirsi bene, perché mi offendo qualcuno, è come sentirsi come se stessi facendo qualcosa e anche semplicemente mi sento bene.
Sono un lamentoso di carriera fin dalla più tenera età e tu conosci un gunnysacker da molto lontano, quindi sono un esperto in questo campo. E so che mi piace sentirmi bene: “Ti ho preso, lo sai, perché non ti amo” o qualunque cosa sia. E vedo anche questo, per esempio, adolescenti a volte.

AAM: Sì. Lo vedi, nel comportamento adolescenziale e infantile. E questo è quello che è. Quando dici – e ti chiamerò su questo – quando dici che mi piace il risentimento –

SB: Sì.

AAM: Quindi sei appena diventato uno di quegli esseri che sta cercando di ricostruire il vecchio.

SB: Sì, suppongo di sì, sì, portando la torcia per il vecchio, sì.

AAM: E stai dicendo “i bei vecchi tempi in cui avrei potuto avere nemici. Dove non ero richiesto e limitato all’amore. ”

SB: Qualcosa del genere, sì.

AAM: E poi puoi riderci sopra, perché è proprio quello che sto cercando di farti fare, è riderci sopra e dire: “Beh, questo è uno spreco di energia”. Pensaci. Hai un’energia al cento per cento. E poi darai via, in questo prezioso tempo di costruire Nova Terra, che darai il venti percento di distanza per sentirti risentito? Hai bisogno di quell’energia per fare altre cose. Sii un conservatore-

SB: Bene, ecco perché sono, è per questo che sto parlando con te.

AAM: Ed è per questo che sto parlando con te, amato.

SB: Sapete, il risarcimento del risentimento che è stato – pensate solo alla malvagia strega dell’ovest che si stropiccia le mani insieme – il risarcimento per il risentimento è stato quello per cui mi sono stabilito, davvero. E questo era prima che sapessi cosa fosse l’amore. Sai, ora, essendo stato mostrato cos’è l’amore, sono motivato a emergere dal risentimento, ma ora sto cercando di padroneggiare gli strumenti.

AAM: E quando ti limiti all’amore, ti liberi e quella sensazione di libertà ti dà la spaziosità. E puoi guardare ciò che è andato storto e puoi guardarlo in modo focalizzato che dice “Beh, quello è successo e quello non è stato buono. Anche il risentimento non si sente veramente bene. E così posso guardarlo e dire bene, non scelgo di ripeterlo “.
Questo è il motivo per cui diciamo che il perdono non comporta necessariamente un nuovo impegno. Può, ma non può. Queste sono decisioni scelte, su come si procede nel servizio non solo alla Madre ma a se stessi. Se sei allergico alla soia, non continui a mangiare soia. Non continui a bere latte di soia. Quindi è lo stesso. Dici “bene, questo non è d’accordo con me. Non è che la soia di per sé sia cattiva. Ma di certo non è d’accordo con me, quindi non mi caccerò più con la soia. ”
Quindi lasci il giudizio fuori da esso. E hai ragione – ti deruba della colpa, della vergogna e del risentimento, e ti deruba persino di colpa perché quando hai commesso un infortunio quello che puoi fare è che puoi dire “Sono così dispiaciuto, mi dispiace tanto, io sono così dispiaciuto “, e puoi anche vivere nel complesso di colpa. E questo è un peso. Quindi perdoni e lasci andare. È come spazzolare via la neve, sciogliendo la neve dal cappotto.
E una volta fatto, una volta che il perdono è stato espresso telepaticamente o dal cuore al cuore o energeticamente o verbalmente, è fatto. Quindi non vuoi coinvolgere qualcuno e dire “Sai quando ho rubato il gelato dieci anni fa? Mi dispiace davvero. “L’hai lasciato andare. Altrimenti, stai indossando un cappotto dopo l’altro e ti sta appesantendo; riesci a malapena a muoverti. E non ti sta mantenendo al caldo.

SB: Mi chiedo se la sensazione di indossare un cappotto dopo l’altro non cresca nel corso degli anni in modo che ad esempio una persona della mia età possa iniziare a sentire davvero i cappotti, ma una persona di 33 anni non può e continua così. C’è una ricompensa per queste cose, Signore, come, come ben sai, per cose come il risentimento. C’è un guadagno e penso che le persone non possano fare il passaggio fino a quando non si conoscono le ricompense dell’altro e ne hanno sperimentato un po ‘e poi all’improvviso la ricompensa del risentimento non è più così grande. Ma lo scintillio negli occhi della gente-

AAM: E come è questo guadagno – sì, lo scintillio negli occhi della gente – ma anche, quello che succede, e questo è un commento perfetto che stai portando avanti, è che il guadagno … come fanno le persone, quei sette miliardi di persone, come vengono a sapere il payoff? Arrivano a conoscerlo perché stai parlando con loro, ti stai impegnando con loro, li stai trasmettendo, in amore.
E potrebbero non essere in grado, certamente a breve termine, di indicarlo e dire: “No, questo amore si sente abbastanza bene, questo è un buon risultato”. Ma quando hanno una conversazione dopo l’altra, esperienza dopo l’esperienza dell’amore, nel senso pratico di essere rinforzati, visti per quello che sono, sentirsi dire che sono amati, sentirsi dire apprezzati, sentirsi dire che sono visti, Cominciamo a capire che semplicemente è meglio impegnarsi in quel modo piuttosto che in modi che li rendano rigidi, doloranti e appesantiti.
Avete tutti questo. Avete persone che evitate perché vi sentite appesantiti ogni volta che avete una conversazione o un incontro con loro. Senti il dolore letteralmente nel collo e nelle spalle, nell’intestino, nel cuore. E così inizi a evitarli. Bene, se pensi che questo accada a livello collettivo. E quelli che sono un dolore al collo cominciano a pensare “Beh, non c’è nessuno con cui parlare e con cui parlare. Mi chiedo come dovrei modificare il mio comportamento? “E ciò sta accadendo. Fortunatamente, quelli che nascono, sia gli arcobaleni che le magenta, alcuni dei cristalli, non hanno questa stessa voglia di indossare venti cappotti. Si muovono piuttosto rapidamente.

SB: E sono confusi dal modo in cui operiamo!

AAM: Sì, lo sono. Perché hanno un nuovo paradigma operativo. Sono entrati con esso, e sono completamente svegli.

SB: Hum. Interessante. Di nuovo hai detto che quando abbiamo visto i risultati del modo in cui siamo stati – stavo per dire, tra l’altro, che le persone che si risentono ed esprimono risentimento e tutto ciò con un luccichio nei loro occhi, si stanno godendo il sentendoti sapere, che sia superiorità o …

AAM: Beh, è un sentimento di potere, e questo è se si mettono di fronte o sopra la Madre. “Sono tutto potente. E io sono tutto potente – Io sono più potente della Madre, che è tutta amorevole e perdona, che è compassionevole e saggia. Quindi sono migliore della madre e posso farti contorcere “. Questo è abominio.

SB: Bene, siamo venuti a vederlo nel tempo in cui tutte le galline tornano a casa a posarsi, sì. E vediamo i risultati di tutto ciò che abbiamo fatto, per così dire, come Scrooge nel Natale passato.

AAM: E tu lo stai vedendo. E il collettivo è più, violentemente, verbalmente, che si esprime, si esprime con forza, che questo non è accettabile.

SB: Sì.

AAM: Quindi c’è un movimento, non è un movimento di violenza nel senso della forza o abuso di autorità, ma è violenza nel senso della tempesta perfetta ed è già in corso.

SB: Infatti. Un sacco di polli stanno tornando a casa a posarsi per tutto il posto e immagino che possiamo vederlo accadere …

AAM: E questo fa parte della sequenza di eventi, amore mio, quindi dici “Quando vedremo gli eventi?” Li vedi tutti i giorni.

SB: Sì. La Madre ha detto in un recente discorso al coro che lo Tsunami dell’Amore era stato amplificato, credo? Potresti semplicemente estendere questo messaggio anche ai nostri ascoltatori? Dì loro cosa ha detto?

AAM: La nostra amata Madre … se pensate a questa tempesta perfetta e questo è successo molto di recente. Lei ha amplificato, in questa settimana passata, Lei ha amplificato e acceso il rubinetto pieno, lo mettiamo in questo modo, del suo Tsunami. È più che l’ultimo ciclo di risciacquo, cari cuori. È per portare tutto a buon fine.

SB: Hum. Piuttosto eccitante.

AAM: Quindi se senti che sei preso nella risacca o che sei stato rimbalzato dalle onde, rivolgiti alla Madre, afferra il tuo floatie o l’anatra di gomma o la tua tavola da surf, o semplicemente vai a bordo dell’acqua e lascia che accarezzi le dita dei piedi e lascia che la Madre finisca ciò che ha iniziato. È ora.

SB: Penso che siamo quasi alla fine del programma, Signore. C’è qualcosa che vorresti dire nel concludere?

AAM: Vorrei dire, perdonati. Perdona quella cerchia ristretta. Perdona la tua lista, quella con politici, banchieri e oppositori, e poi perdona, in modo molto completo, ogni singola persona, come un collettivo sul pianeta, e ricevi, da quel collettivo, il loro perdono.

SB: Grazie, Signore.

AAM: Sei così benvenuto. E tu sei così amato. Vai con la mia pace, addio.

SB: Signore d’addio.

Arcangelo Michele canalizzato da Linda Dillon, 19 marzo 2018.
Traduzione Per Staffan, 21 marzo 2018.
Fonte Originale: http://counciloflove.com/
Fonte : http://sananda.website/archangel-michael-via-linda-dillon-march-19th-2018/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...