La Pace è Solida

Messaggio Arcangelo Michele

Steve Beckow: buona sera a tutti e benvenuti ad An Hour with An Angel. Sono Steve Beckow, redattore capo della Golden Age of Gaia. Con me oggi è Linda Dillon, canale per il Council of Love. Linda, sei appena tornato da una settimana a New Orleans, credo.(Presentatore,InLight Universal)

Linda Dillon: Sì, ho, e ho avuto un buon tempo rau. È stata un’occasione per stare insieme con alcuni carissimi vecchi amici.(Canale per Council of Love).

SB: dall’inizio.

LD: Fin dall’inizio, in effetti, sì. Lisa e io ci siamo incontrati, letteralmente, oh, penso trentasei anni fa a un evento di Lynn Andrews al Centro per la Fisica Mentale di Joshua Tree, a cui molti dei nostri ascoltatori probabilmente hanno familiarità perché abbiamo trasmesso e fatto raduni da quel momento da Joshua Tree. Sì, è stato un momento piacevole da trascorrere insieme.
Conosci New Orleans, che in realtà né Isaac né io eravamo mai stati, è una delle città di luce. Ed è una città di luce. Ogni città di luce ha una funzione diversa, immagino, scopo. E la città della luce per New Orleans è arte, musica e intrattenimento. E come ho detto nella mia alba, il piccolo scoppio del lunedì è che è anche un’incredibile città di gioia, e certamente di discernimento. C’è davvero un senso di vivere e lasciar vivere.
C’è solo uno spumeggiante senso di gioia, di entusiasmo e come “vivere per oggi”, è una città incredibile. È una città incredibile.

SB: Non sono mai stato lì. Sto solo cercando di immaginare dalle tue parole.

LD: Sai, probabilmente molti dei nostri ascoltatori non sono mai stati a New Orleans, e certamente non l’avevamo fatto. Una delle attrazioni che ci ha portato a New Orleans, a parte il fatto che è vicino a dove si trovano Lisa e Michael, è che al momento festeggia il suo centenario.
E non ci sono molte città, certamente in Nord America, che hanno quel tipo di storia. Quindi, c’è un vero ancoraggio. Sono stati sotto vari; lo chiamano cinque bandiere. E anche quello era interessante. Perché sono stati sotto il dominio britannico, francese, spagnolo, confederato e americano. Quindi, ci sono tutte quelle influenze della storia. E così, c’erano cose meravigliose.

Una delle cose che ho notato davvero è che tu che ci sono state tante polemiche negli Stati Uniti sulla bandiera confederata e su tutte le statue, ecc. Hanno rimosso la bandiera confederata e l’hanno sostituita con la bandiera arcobaleno dei gay, del LGBT.

SB: È molto divertente.

LD: E penso che ciò riassuma lo stato d’animo e lo spirito di New Orleans.

SB: Oh, è grandioso. Ho una bandiera canadese e le due barre, che di solito sono rosse, sulla mia bandiera sono i colori dell’arcobaleno LGBT. In realtà è molto bello.

LD e Steve: (ridendo)

LD: Hai parlato con Justin a riguardo?

SB: Non ancora, ma dopo il Reval, ho intenzione di farlo. È divertente. Non abbiamo chiuso il Corso di Creazione della Coscienza con la Madre, ma abbiamo raggiunto la fine delle sessioni in cui credo.

LD: Abbiamo. Abbiamo raggiunto la fine del … diremo le classi formali. Il lavoro va sicuramente avanti. Questa è stata una delle lezioni più interessanti e sorprendenti, certamente che mi sia mai stata facilitata. E penso che una parte di quello è che Linda Dillon era una co-facilitatrice completamente con la Madre. E venire da quello spazio per un periodo così lungo è stato incredibile.
E le creazioni che le persone hanno completato, che sorprendentemente sono arrivate alla loro porta di casa, e che le persone stanno ancora lavorando sono state fenomenali. Ci ha davvero mostrato. Parliamo molto dell’utilizzo degli strumenti. E Dio sa che abbiamo un enorme e massiccio kit di strumenti. Imparare a sposare e applicare la Formula della Creazione e le Leggi Universali insieme, per me è stata un’enorme espansione. E questo continua. E così, il pezzo online di quello continua. Guarderemo periodi di ogni tre mesi ai progressi che il gruppo sta facendo. Quindi sarà affascinante vedere come andrà a finire.

SB: Mi è piaciuto guardarlo. Non solo a livello di creazione, ma anche la filosofia che ne è alla base perché è così rivelatrice.

LD: è anche un vero promemoria. Intendo co-creare con la Madre, beh, prima di tutto, è stato un grande dono, ma mi ha anche ricordato che il nostro scopo fondamentale di essere sul pianeta è creare. E il nostro scopo fondamentale nella creazione è di realizzare la nostra missione e il nostro scopo. Il nostro scopo anima sacra. Sai che ha variazioni e sfumature di cose diverse in diversi tempi di vita, ma questo è davvero l’unico motivo per cui siamo qui è per servire la Madre e per farlo co-creando con lei. E così, ho indubbiamente portato a un livello più profondo, credo di comprenderlo. Ma penso davvero all’intero circolo sul perché portiamo avanti determinate situazioni. E come consapevolmente non solo produciamo ma siamo responsabili di portare avanti ciò che viviamo e ciò che scegliamo di fare.

SB: Sì, sono d’accordo. Sai che non vedo l’ora di poter usare quelle, sia le leggi che la formula di creazione nel modo in cui, ad esempio, un falegname usa una sega e un martello in modo integrato e fluido.

LD: Sì, esattamente. Il falegname non si siede e pensa: “bene, dovrei usare la mia sega oggi?”.

SB: No. Sto andando a martello ora.

LD: scorre. E penso che sia tutto. E penso che sia per questo che in questa classe hanno raggruppato alcune Leggi Universali insieme come Sacro Scopo, o Equilibrio, o come il gruppo T che è Transustanziazione e Trasformazione e così via. Lo ha reso più praticabile.

SB: Ma ti dico, non penso che gli Arcangel si toccano le dita sulla scrivania quando sono fuori scena. Potremmo andare avanti per il resto dell’ora.

LD: Non si toccano le dita. Ma anche, quando gli Arcangeli creano, non si fermano e pensano: ‘ora qual era quella formula?’

SB: No. No. È fluido, non è vero? Questo è ciò che ci sta indirizzando verso questo stato di fluidità con queste cose.

LD: La fluidità, e al punto in cui diventa quasi istantanea, non ci sediamo e cerchiamo di capire come legare una scarpa o come manovrare una cerniera. È lì. È fluido Non dobbiamo pensarci. Ed è qui che stiamo andando. Questo è davvero ciò che riguarda Nova.

SB: Oh, sono sicuro. Sono sicuro che hai ragione. Bene, caro, penso che tu abbia detto prima che hai parlato con Michael dalle tre del mattino.

LD: Oh, sì. In realtà avevo iniziato all’inizio della settimana.

SB: Oh, sì?

LD: Sì. Andiamo via.

SB: Tempo per l’evento principale. Scommetti. Ok caro. Grazie, e ti daremo un momento per fare la tua transizione. E diamo il benvenuto all’Arcangelo Michele sulla pace, su ciò che accade nel mondo ecc. Arcangelo Michele.

AM: Salve, sono Michele. Sono Mi-ka-el. E forse prenderò una pagina dal libro di St. Francis e dirò: “Puoi chiamarmi Mike”. La chiave è chiamarmi. È accettare la mia sempre presenza. La presenza sempre della madre di Gabrielle, di Raffaello, di Francesco e di tutti noi. E di questo Concilio d’Amore, che ti circonda il mio amato. Non stiamo andando da nessuna parte. Non abbiamo mai Non lo faremo mai. E lo dico da un luogo di costante movimento di espansione costante, di crescita eterna, di potenziale infinito.
E questo è ciò che desidero ribadire e riportare alla tua coscienza, al tuo subconscio, al tuo inconscio. Alla struttura molto cellulare del tuo essere. L’ho detto molte volte. E lo ripeto. Ti dichiaro come i pacificatori. Ti rivendico come wayshower. Ti rivendico come portali e pilastri. I portatori di luce. Le ancore dell’amore. Non puoi ignorare o dimenticare chi sei. E sì, amati fratelli e sorelle, perché? Siete qui come l’adempimento, come i portatori dell’alba, gli esecutori del piano della Madre.
Tu sei il nuovo inizio. Sei il nuovo inizio in tanti modi. Per anni, e se tu fossi uno dei miei amici arcangeli, sapresti anche che per eoni ho parlato di pace perché questa è la mia promessa e il mio sacro adempimento alla Madre / Padre / Uno. Ti ho parlato della mia iniziativa di pace strategica, e tu hai dimenticato.
Perché è così difficile per gli umani, e intendo questo come il collettivo di veramente e profondamente in una moda impegnata, perché è così difficile concentrarsi sulla pace, concentrarsi sull’amore? Concentrarsi sulla verità e l’eterna saggezza di chi sei? Spesso ti diciamo, non permettere a te stesso, dolci angeli di luce, di essere distratto. Non permettere a coloro che desiderano impegnarsi, o costruire o ricostruire il vecchio terzo, di influenzare la tua vita quotidiana. Perché non ti serve. E certamente non serve la Madre.
L’unica ragione per cui stai ponendo la tua attenzione su tali eventi e questioni è semplicemente quella di disperderli per disintegrarli e eliminarli per trasformarli. Altrimenti, non c’è profitto. Non c’è guadagno. Non c’è vittoria.
Grandi passi si stanno compiendo su questo splendido pianeta, su questo arcangelo chiamato Gaia. Alcuni di voi, quando vi abbiamo detto che siete stati una pietra o una pietra, o una fata o un deva, o un fiume o una montagna, o una collina o un albero, avete avuto difficoltà a concepirlo, relativo a ciò. Eppure qui, dove letteralmente posti i piedi e respiri, l’aria è un arcangelo incarnato come un pianeta, nel compimento della sua promessa alla Madre. Questo è un esempio potente, un modello di ruolo per ognuno di voi.
Gaia è un pacificatore. Sì, ci sono volte certamente quando lei alza le spalle. E ti fa sapere quando sei fuori equilibrio e fuori di testa. Ma in generale, lei è una madre. Lei è una Madre Terra che riflette l’infinita Madre. E mostrandoti, dimostrando così la via della pace, questo modo di amare.
Ora la pace, ed è per questo che ti ho chiesto di parlarti oggi, sta scoppiando sul tuo pianeta. Ci sono passi e mosse che devono ancora essere intrapresi? Più probabilmente. Così spesso quando parliamo al collettivo non solo del desiderio, ma del bisogno di pace su questo pianeta, così tanti membri del collettivo scuotono la testa e dicono “bene, è improbabile”, “è impossibile”, “la guerra è la modo’. E naturalmente, questo è vero per il vecchio terzo. E in un certo senso, quel livello di negazione, di scusa, di distrazione è scoraggiante per molti di voi che sono gli operatori di luce e detentori di amore.
E tu ti rivolgi a me, e tu dici: ‘Michael, continuerò a farlo. E continuerò a fare le meditazioni di pace, e continuerò a sostenere la visione. “Ma nella tua anima, nel tuo cuore sei scoraggiato, sei costernato. E anche questo deve essere riconosciuto. E così, ti offro l’incoraggiamento questo giorno.
Una delle situazioni più instabili sul tuo pianeta è stata la situazione con la Corea del Nord e del Sud. Con l’ingerenza e l’intervento, a volte positivo, degli Stati Uniti d’America. Eppure questi due individui molto diversi, Kim Jong-un e Moon Jae-in, si sono uniti. Non solo come leader. Non solo come politici. Ma in una connessione da cuore a cuore di uno scopo condiviso.
E quelli che hanno affermato che la pace era impossibile e che sarebbe finita in una devastazione nucleare sono stati smentiti dalla volontà di questi due uomini di parlare semplicemente. Non ancora a Sadar, ma sicuramente in pericolo, e per trovare una comunanza. Il desiderio di prosperare. Il desiderio di non vivere nella paura e sotto l’ombrello di una devastazione ha portato alla ribalta questo potenziale di pace. Questa promessa di pace. Non per coercizione. Questo deve essere dichiarato con forza. Questo movimento non viene da minacce dichiarate o coercizione. Viene dalla diplomazia di Moon e dalla sensibilità di Kim Jong. E la volontà e la disperata disponibilità a trovare una via di mezzo in cui le persone possano unirsi e prosperare.
Non intendiamo semplicemente una zona demilitarizzata. Intendiamo una zona demilitarizzata del cuore. Perché in tutti gli esseri c’è questo desiderio di amore e c’è questo desiderio di pace perché la pace non è altro che un elemento di amore. È quel senso di servitù, quiete e potere e la consapevolezza di essere in allineamento con se stessi.
Ora, ci sono delle volte sul pianeta, e ne state certamente assistendo, dove ci sono despoti, dittatori, despoti che governano. E c’è un sistema di credenze in coloro che credono di essere in società democratiche che queste situazioni dittatoriali hanno bisogno di essere eliminate. E nella visione più ampia, questo è vero. Ma ci sono anche momenti in cui gruppi di persone, non chiamiamoli nazioni quando gruppi di persone decidono che impareranno lezioni molto difficili. E così, emerge un despota. E tu conosci molti su questo pianeta.
Ma la ragione d’essere che questi esseri emergono usa un’espressione di quella volontà collettiva da controllare. Quindi, quello che succede è che c’è una rivolta che c’è una venuta fuori del desiderio di una maggiore libertà e di essere liberi. Quindi, stai vedendo anche questo flusso e riflusso. E questo è un segno della crescita dello spirito umano. A volte ci sono individui che non sanno di desiderare la libertà finché non sono legati. È un paradigma molto strano. Ma così è.
Ora, come fai a sapere quando c’è questa spinta in avanti? Quando è pieno di speranza? Ho detto al canale, e ti dico, è la spinta in avanti? Le parti coinvolte guardano al futuro con ciò che è possibile, il sogno che si può realizzare? O stanno guardando indietro? E stai vedendo molti esempi di questo sul tuo pianeta. E vedi anche quelli che vengono catturati, diciamo, in preda all’inerzia.
Lo vedi in Venezuela dove il vecchio regime ha venduto le risorse della Nazione, del paese. E sono stati catturati in un pantano ideologico, e sono ancora in quel posto dove stanno cercando l’energia per andare avanti. Verrà. E verrà non dal luogo del privilegio. Non dagli ideologi. Verrà da coloro che stanno letteralmente vivendo nelle strade e hanno fame e chiederanno la ricostituzione del governo e della società che rappresenta i bisogni e i desideri della gente.
Vedi le situazioni in cui le persone guardano indietro. Sì, Netanyahu che afferma di guardare indietro ai piani dell’Iran. Non importa. Stai vedendo le prove di come la tua famiglia stellare cattura le bombe e distrugge i silos. Stai vedendo il desiderio di un nuovo domani. Quindi, non si tratta di guardare indietro e vedere chi ha la colpa e chi è la colpa. La chiave sta nel guardare avanti a ciò che può essere fatto piuttosto che a ciò che è stato fatto. Stai vedendo questo spuntando. E sì, stai anche vedendo i regimi dittatoriali.
Invia l’energia. Sì, certo per la pace nel suo insieme, ma invia anche le energie a quelle aree che al tuo cuore stanno mostrando promessa. Sì, continuiamo e abbiamo detto per molti anni di inviare energia in particolare alle donne e ai bambini dell’Iraq e dell’Iran. Siria. Ora, aggiungiamo la Siria e lo Yemen, in Turchia. Invia energia a coloro che sono catturati tra le forze in guerra perché in realtà sono le tane.
Tu dici, bene, cosa posso fare Michael se non inviare energia a quei luoghi che sono promettenti e quei luoghi che sono lacerati dalla guerra? E quei posti dove sono stanchi e affamati. Amati, fate pace con voi stessi. Ora, sembra così semplice, e non lo è. Così tanti hanno ferite, che si sono trasformate in vasanas o problemi principali o lamentele. E li hai nascosti come se fossero possedimenti a premi. Li hai rinchiusi come gioielli della corona. Spesso li hai bloccati perché ti senti incompetente, incapace di guardare veramente a questi problemi. Ma gli angeli brillanti come puoi essere una colonna e un portale di amore e di ascensione se hai paura e evitando di guardare ciò che ti ha ferito e ferito? Come puoi trovare pace se non hai trovato il perdono di sé e degli altri?
L’altro approccio che ti chiediamo a nome della Madre / Padre / Uno è di fare pace con tutto ciò che ti circonda. Sì, fa pace con il prossimo con cui hai risentimento. Con la città che non ti piace. Con la sorella, o il fratello, o cognato, o zia che non ami. Non significa necessariamente coinvolgimento. A volte arrendersi e fare un passo indietro è la via per la pace. Ne abbiamo parlato. Molti di voi lo hanno già dimenticato, ed è molto recente che ne abbiamo parlato. Trova la pace interiore e poi estendila a tutti i livelli.
Ora, caro Steve, dove vorresti iniziare?

SB: Beh, una cosa che vedo subito, Signore, è che (e tu hai fatto riferimento a questo ovviamente), che dobbiamo abbandonare certi modelli di comportamento come il modello sociale darwinista che la vita è una lotta e solo i più forti sono sopravvivere, e i deboli vanno al muro. Ed è sempre stato così, e la natura è rossa in denti e artigli. Questo è un esempio di un modo di percepire il mondo che è incorporato in così tante persone e ha bisogno di andare, per esempio.

AM: Questo senso di delineazione. Questo senso di separazione, tra voi e noi. Ha bisogno di essere trasformato. Quindi, non sto semplicemente parlando dell’eliminazione o del cambiamento in ciò che chiamate (e sì, è molto appropriato), il darwinismo sociale. Perché in questo ci sono vincitori e ci sono dei perdenti. E la sua sfortuna se sei un perdente, riprova la prossima vita.

SB: hmmm

AM: È crudele. Questa è la tua definizione di alcuni che vanno in paradiso, e il resto viene spinto nell’inferno. Questo non è il modo in cui è. E quindi, questo senso, questo cambiamento se si vuole guardarlo in termini di vincita, allora si sposta il paradigma; Non vinco se non vinci. Non vinci se non vengo.
È come Gesù ha detto, amare il tuo prossimo letteralmente come te stesso. E non significa, e non ha mai significato permettere al tuo prossimo, che si tratti di un’istituzione o di un governo o di una nazione, di permettere loro di fare del male a te. Al contrario. Ma è difficile. E desideriamo riconoscerlo. È molto difficile venire da questo luogo di unità e abbracciare se in effetti ti senti privo di diritti se ti senti che in qualche modo ti manchi.
Questo è il motivo per cui la Madre (e tutti noi tra l’altro) ti stanno insegnando così fortemente come creare perché mentre stai creando non stai creando solo per te stesso. In molti modi e in particolare nella comunità di operatori di luce, tu sei il gruppo più disinteressato di esseri nell’universo. E dobbiamo insegnarti a concentrarti su di te per ricordare di concentrarti sui tuoi sé dolci e, come fai tu, includi naturalmente il collettivo. Quindi, ti incoraggiamo di nuovo.
Se c’è qualcosa, hai nascosto ciò che non è di pace portalo alla ribalta. Condividilo con me. Condividilo con Saint Germaine. Condividilo con Gabrielle. Non importa. Ma lascia andare.

SB: Signore. Signore, puoi usare il processo di compensazione upset semplicemente inserendo quello con le virgolette che lo circondano nella casella di ricerca. Kathleen ha presentato anche un modello di perdono. Ci sono molti modi per lasciar andare questi gioielli della corona.

AM & SB: Risate

AM: Ci sono molti, molti approcci. Non c’è carenza nel tuo kit di strumenti preferiti. Ma pensaci. Osserva la situazione della Corea e quanto era diventata terribile e disperata. E pensa a ciò che ciascuna parte è disposta a lasciare e ad estendere per trovare la pace. E la pace è molto più che l’eliminazione delle bombe, l’eliminazione del combattimento corpo a corpo. È un senso, un senso profondo di correttezza. È l’esatto contrario, l’assenza di questa lotta feroce.
Se vuoi la pace con qualcuno nella tua vita, incluso te stesso, smetti di inscatolare la boxe in un angolo. Non funziona. Quando si è in uno scontro o in un volo che viene incorporato in una modalità di comportamento, tutte le luci gialle e rosse del cielo si accendono. Lo fanno anche per la tua famiglia stella. Dove hanno imparato e hanno imparato a loro agio. E quello non è il piano.
Ora, non parliamo del piano divino come inciso nella pietra. Ma in molti modi, lo è. Perché come possono essere, letteralmente, una deviazione dal sogno e la creazione della Madre? Ora ha costruito questo aspetto del libero arbitrio. Ed è stata infinitamente paziente in questo aspetto del libero arbitrio nel decidere che la pace, l’amore e la gioia sono veramente i desideri dell’individuo e del cuore umano collettivo.
Ci è voluto molto tempo. Ma non vengo con messaggi di distruzione lugubre. Vengo oggi con messaggi di incoraggiamento, elevazione e gioia. Guardati intorno, e vedrai con tutti questi metodi, gli esseri umani, che sia tuo nipote o il tuo vicino di casa o il capo di un altro paese, stanno cercando dei modi. E anche coloro che cercano la distrazione o addirittura cercano lo status quo stanno decidendo che far cadere le bombe non è la risposta.

SB: Signore, potremmo parlare della pace stessa per un momento.

AM: Sai che questa è la mia materia preferita.

SB: (risate). Ho vissuto un’esperienza di profonda pace alcuni anni fa. Penso che fosse il 2015. E sono rimasto sorpreso nel constatare che la pace era così sostanziale. Mi sembrava come se fossi in piedi su una roccia di granito e ricordo di averlo detto a me stesso. E poi mi ricordo che un paio di anni dopo hai effettivamente usato quella parola per dire che la pace era come il granito.
Com’è che non ho scoperto che la pace era ariosa e leggera, ma invece mi sentivo così sostanziale? Non capisco come sono finito in quel posto. Cos’è la pace? Sai cosa sto dicendo?

AM: Mi stai chiedendo com’è l’amore? Come è un cuore? Ma sono lieto di rispondere.

SB: Bene, okay, grazie.

AM: Ora pensi a questo? E non lo dico perché non abbiamo alcuna forma di gerarchia. Ma ci sono archetipi, archetipi incorporati nella tua coscienza. E sì, differiscono da cultura a cultura, ma lasciami usare me stesso come esempio.
Perché così tanti si rivolgono a me con la visione della mia spada e scudo piuttosto che il mio pennello e l’arpa? Perché si rivolgono a me piuttosto che a Uriel, che è il custode della conoscenza divina, il custode del tempo divino? Sicuramente, questo è molto più importante perché c’è un senso di sostanza nel mio essere e nel mio essere come guerriero della pace. La pace è solida.
Ci sono così tante qualità divine che si sentono amorfe, leggere, ariose, come un giorno di primavera. Eppure la pace (hai questa espressione), puoi portarla in banca. Sembra una zavorra. Sembra granito perché è solido. E oserei dire immutabile. Ecco perché continuo a sottolineare che quella pace interiore, quel granito solido come una roccia dentro. Quando ancorate in pace ciò in cui vi ancorate, con un inchino a Uriel, è il vostro divino sapere che esiste un ordine e una sostanza. E un piano. E un progetto e che non puoi essere rimosso che non rinuncia. Che, a prescindere dal mare mosso o dalla pioggia torrenziale, il senso di essere sostanziale nella conoscenza continua che è la base. Ed è questo senso di ancoraggio profondo nella tua conoscenza e nella tua conoscenza, che ti permette di manovrare in modo da non distrarti, in modo che ti concentri.
Ci sono esseri, inclusi te stesso, sul tuo pianeta il cui centro d’interesse è la luce laser che può alzare la testa e guardarsi intorno, ma che sono molto chiari che quel senso di certezza, l’incertezza non è parte della condizione umana personale e collettiva. Ma qualcuno che è ancorato alla pace lo sa. In modo che le cose possano cambiare, possono andare e venire. Situazioni, ambienti, persone, vanno e vengono. Ma quel senso di conoscenza non rinuncia.
La pace è solida E da quello, puoi procedere. Pensa a questo, avendo quell’ancora sostanziale che ti permette di viaggiare verso l’esterno, verso l’alto, all’indietro. Ti permette di farlo. Ma quando sei in una mancanza di pace, quando sei nell’incertezza, ti senti come una bandiera che sbatte in un vento di cento miglia. E ti stai sempre chiedendo, ‘questo pennone sta per stringermi?’ Ecco perché la pace è il fondamento del granito. Ed è la sostanza da cui ti permette di ancorare letteralmente nella fisicità. Non è solo l’assenza di guerra. Perché ci sono guerrieri di pace, che stanno sulle battaglie e mantengono ancora il senso di pace.
Molti di voi, molti di voi che mi ascoltano questa notte, viaggiano con me costantemente nei luoghi di rottura di ciò che pensate come una guerra. È per questo che ti svegli così esausto al mattino. È il motivo per cui così tanti di voi sono stati messi di anno in anno sabbatico.
Per andare avanti veramente creando e co-creando, sì con noi, ma anche l’uno con l’altro, Nova Earth. Questo è il nostro obiettivo Questo è il premio. Per fare ciò, quel senso di pace deve essere che la conoscenza della pace deve essere tenuta profondamente dentro. Questo ha senso per te?

SB: Beh, certamente lo fa. Sto cercando di lottare con esso. Cercando di concepirlo. Ora, uno dei modi in cui ho raggiunto lo stato di pace, o provo a raggiungere lo stato di pace, è lasciar andare i miei vasana o questioni fondamentali sollevandoli, stando con loro, vivendoli fino al completamento e poi lasciandoli solo loro vanno. E presumo che tu li porti alla Madre.

AM: corretto.

SB: Ok. Così ora, mentre sto facendo questo, sto diventando di più: la mia mente sta diventando più stabile, i miei sentimenti stanno diventando più equilibrati. Quindi, mi sto muovendo in una certa direzione. E quella direzione culmina in pace.
Quindi, posso togliere a questo il senso che chi sono al livello più profondo è sostanziale, è solido? Il granito è come?

AM: Sì.

SB: Io sono? Questa è una conclusione che posso raggiungere in sicurezza?

AM: Questa è una conclusione che puoi raggiungere in sicurezza. Di nuovo, portalo in banca. Pensa a questo, quando viaggi (ed è un viaggio, è un viaggio), in questo luogo di profonda pace riconosci la tua essenza divina. Non che tu stia raggiungendo il divino ma che tu lo stia riconoscendo e ancorandolo e amandolo profondamente dentro di te.
Quando hai quel senso di ciò che usiamo nel linguaggio come sostanza, essenza, allora ti permette di viaggiare più in alto perché sai da dove vieni e dove stai tornando. Ti permette di viaggiare attraverso il pianeta o l’universo e tornare indietro. Per esempio, quando invii energia, e sei frammentato, non stai lavorando, non rivendichi la piena sostanza di chi sei. Quindi ciò che invii è solo una piccola percentuale di chi sei. E questo è anche molto chiaro in ciò che si pensa come unione sacra, partnership sacre. Avete incontrato persone che possono solo dare un piccolo frammento di ciò che sono perché non hanno quel senso di sostanza piena. Quindi non puoi condividere. E spesso ciò che accade è ed è per questo che le persone si sentono così ridotte, condividono, mandano. E poi si sentono vuoti ed esausti. Bene, quello non è il piano.
Questo è il segreto Quando sei ancorato nella tua sostanza, nella tua essenza, nella tua divinità, nella tua roccia, puoi replicare, specchiare, condividere, tutto ciò che sei e mantenere e crescere (tra l’altro) tutto ciò che sei.

SB: Wow. Se vogliamo avere pace nel mondo, Signore, penso che quello che deve accadere è che alcune persone devono essere disposte a dimenticare oa voltare le spalle a qualunque altra fonte originaria della lite. Qualcuno deve essere disposto a smettere di cercare di scoprire chi ha colpito il primo colpo e si è vendicato per questo. È corretto?

AM: È corretto. Ed è una rinuncia a qualcuno è giusto, qualcuno ha torto, qualcuno è in colpa, qualcuno è la vittima. E vedi questo paradigma rispecchiato in tutti i tipi, situazioni molto personali e quotidiane. Quindi è il micro alla macro. E quando non ti impegni in questa dualità quando rifiuti, quando esci da quella strategia da quel paradigma piuttosto che dalla vecchia maniera: l’autore della vittima, la micro, la macro si dissolve semplicemente.
Quindi, come abbiamo detto, ci sono molti approcci per farlo. Ma pensaci, se sei ferito, e stai trattenendo questo rancore verso chi ti ha ferito, intenzionalmente o meno. Allora stai perpetrando quella dualità. Non stai reclamando la tua pace. Quando semplicemente, e non è negazione, e non è rifiuto, è semplicemente una dichiarazione e un reindirizzamento per dire: “Non voglio vivere in quel modo”. Non desidero continuare a vivere né come perpetratore né come vittima. Ho scelto di ancorare nella mia pace e consapevolezza divina che sono esattamente dove ho bisogno di essere e l’universo in cui sto operando non è destinato a farmi del male.
Quando lo fai, cosa succede perché non c’è questo attrito, ti sei letteralmente dissociato da esso. Non in un modo psicologico di lacrime. Ma quando ti dissociano da esso, non ci sono costi. Quindi sì, questo deve essere il distacco. E staccando, (e sì, il canale sorride perché lei pensa che io stia parlando della legge universale e io lo sono), quindi si sta legando alla pace e si sta staccando dal dramma perché non ti serve. Non serve a nessun essere.

SB: È interessante che abbiamo questo tipo di contabilità interna. Lo voglio. Quindi mi sto notando, vero. Questa contabilità interna di questo mi deve, lo devo, ma se gonfio la mia immagine, posso probabilmente girovagare per doverlo affrontare. Mi trovo impegnato in questo tipo di sciarada.

AM: È una sciarada. È la negazione del tuo sacro sé. Ora cosa succede quando lo fermi semplicemente? Quando dici, sto entrando in un nuovo sistema di contabilità. Ho un nuovo libro mastro qui, quando lo fai, l’effetto a catena del collettivo è molto più grande di quanto tu possa immaginare.
Non dimenticare che lo tsunami della madre è in pieno effetto. E cosa succede ad esempio quando ci sono decisioni esterne, sia che siano micro o massive, che vengano riflesse anche su di te. Quindi, quando individualmente o su scala collettiva, dici “sai che ho tenuto questo rancore contro di te, quindi lo lascerò andare”, riflette. E poi l’autore o la vittima non ha nulla contro cui reagire. Quindi la connessione è interrotta. E una nuova ondata, una nuova frequenza vibratoria si spegne. Quale scegli?

SB: buon punto, Signore. E un buon modo per terminare il programma, ci stiamo avvicinando al nostro tempo. Ora che abbiamo risolto i problemi del mondo e hai mostrato la via per la pace. La pace interiore si manifesta come pace esteriore. Wow, sono davvero sopraffatto da quello che hai detto. Dovrò ascoltarlo io stesso alcune volte per prendere tutto. Hai qualcosa che vorresti aggiungere per concludere Lord?

AM: Prima di tutto, so che sono qui nella gioia, nell’incoraggiamento e nella celebrazione. E sì, questo aspetto del libero arbitrio sta iniziando a vedere quanto potente la Madre ti ha creato, ti ha generato. Potere infinito che mostra potenza infinita.
Scegli di accettare questa chiamata alla pace? Penso che tu lo faccia. So che lo fai. Mi fido di te. Vai con il mio amore e vai in pace. Addio.

SB: Grazie, Signore. Addio.

Arcangelo Michele canalizzato da Linda Dillon, 1 Maggio 2018.
Traduzione Per Staffan, 8 Maggio 2018.
Fonte Originale : http://counciloflove.com/
Fonte : http://sananda.website/archangel-michael-via-linda-dillon-may-1st-2018/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...