Scegli UN Modo di Vivere, e NoN un’occupazione

“Sei sicuro di voler solo coltivare? Non vuoi fare qualcosa di più con la tua vita? “Queste erano le domande poste al liceo dai miei insegnanti ben intenzionati quando ho dichiarato che stavo andando ad allevare con la mia famiglia dopo la laurea. Ai loro occhi stavo sprecando i miei talenti rimanendo nella fattoria in cui sono cresciuto.

Per generazioni, questo è stato un atteggiamento favorito qui nel paese; Cresci, vai in città appena puoi, ottieni un’istruzione in modo che tu possa ottenere un buon lavoro retribuito e sarai molto più felice di vivere qui in “bastoni”. Non c’è molto di incoraggiamento o supporto dato a chiunque abbia aspirazioni di restare. Purtroppo, questo atteggiamento per decenni ha significato la decimazione delle nostre piccole comunità e la dipendenza da grandi centri urbani.

Non che ci fosse qualcosa di sbagliato in coloro che hanno scelto di andare via e perseguire i loro sogni altrove. I loro talenti e abilità sono certamente apprezzati e necessari in questo mondo. Spero solo che questo sia ciò che realmente volevano, e che non siano stati lasciati svuotati, o in qualche modo abbandonati dalla vita e dalla terra che conoscevano; perché sembra che quando i nostri figli vengono guidati nelle loro carriere, soprattutto dal sistema scolastico, spesso si riduce a “potrebbe” e “dovrebbe” piuttosto che “vuole” e “chiamate”.

Con questa tendenza delle famiglie di piccole città che incoraggiano i loro figli a vivere una “vita migliore altrove”, non posso fare a meno di chiedermi se quelle persone non possano vedere i tesori che avevano di fronte a loro? E mi chiedo quanti di questi bambini si siano effettivamente sentiti più felici in città, o lontani dalla loro patria? Lontano dalla terra?

I miei stessi genitori hanno avuto le stesse domande dei loro insegnanti come avevo fatto dalla mia; “Ma sei troppo intelligente per coltivare, potresti essere tutto ciò che vuoi”, fu ciò che mi fu detto da mia madre. In altre parole, “Solo gli idioti stanno qui e fanno la fattoria, vanno a fare qualcosa di te.” Questo commento implicava il sentimento che così tanti hanno portato per tanto tempo; che non devi essere molto intelligente per coltivare, quindi è quello che fai se non sei capace di qualcosa di “più grande”. Questo atteggiamento diminuisce la grande abilità e determinazione nell’agricoltura e l’incredibile valore dell’agricoltura per la nostra comunità.

Così, i miei genitori hanno provato una vita in città. Durò circa un anno, e in quel momento si ritrovarono così disperati e desiderosi della fattoria che si trasferirono a casa nella fattoria e non si voltarono mai indietro. Inutile dire che le impeccabili abilità di contabilità di mia madre, insieme con le abilità di costruzione e di fissazione di suo padre e mio padre, l’etica del lavoro, l’amore e la conoscenza del mondo naturale e lo spirito pionieristico, li hanno ben serviti come agricoltori autonomi. Fortunatamente, entrambi provenivano da famiglie contadine che li incoraggiavano piuttosto che scoraggiarli.

L’agricoltura richiede tutti i tipi di abilità, talenti e abilità, molte delle quali non possono essere apprese da un libro. Qualcosa che ho notato che distingue molti agricoltori da molti altri è l’accuratezza della loro intuizione. L’agricoltura è una pratica spirituale che si deve sentire – e non c’è davvero insegnante come l’esperienza.
Scegliere un modo di vivere

I miei genitori hanno scelto di coltivare per le ragioni esatte che ho scelto di coltivare; permette uno stile di vita che volevo avere sia per me che per i miei figli.

Rabbrividisco quando sento la gente parlare dei loro estenuanti spostamenti per andare al lavoro tutti i giorni. Lo stress del traffico e il tempo che stanno perdendo nelle loro giornate devono indossare su tutti i loro esseri. Mi godo un breve, tortuoso, mezzo minuto di auto tra gli alberi per raggiungere la mia destinazione, ed è una gioia pura in ogni momento dell’anno sia guidare, camminare, o in bicicletta. E l’unico traffico che incontro è un altro familiare o uno scoiattolo rosso che chiacchiera.

Ogni giorno è “porta i tuoi figli al lavoro” e spesso la scuola viene saltata in modo da concentrare preziose lezioni a casa. Gli insegnanti della nostra scuola di provincia sono arrivati a capire che i bambini di Klassen non registreranno mai alcun record per la frequenza (ma probabilmente per la mancata presenza). Mi sono reso conto che ci stiamo impegnando in una sorta di combinazione di scuola pubblica / casa e, con i loro buoni voti a scuola, sento che stiamo godendo il meglio di entrambi i mondi.

La vita in campagna offre all’aria fresca per la mia famiglia da respirare, acqua pulita da bere, una possibilità di coltivare cibo nutriente o prenderlo in libertà e un ambiente sicuro per i miei bambini che corrono liberi, esplorano e si connettono con la Natura mentre imparano da soli.
Non ci sono mai due giorni in fattoria uguali, poiché le nostre faccende cambiano sempre con le stagioni. Riesco a fare compagnia alle creature più gentili, ei miei collaboratori sono anche i miei compagni pelosi e fedeli che proteggono il mio cortile (soprattutto i polli) dai predatori.

Quando avevo 19 anni sono andato a lavorare per un commerciante di semi locale per un lavoro stagionale di primavera. È durato due mesi e in questo breve periodo ho imparato la preziosa lezione di come mi sentivo bene a casa, lavorando con coloro che mi amano e si prendono cura di me e non trarrebbero mai profitto dalla mia etica del lavoro. Ho anche imparato quanto mi mancasse il buon cuore del bestiame e la terra in cui sono cresciuto, e ho imparato che anche loro mi avevano mancato. Ho imparato che farei sempre tutto il necessario per stare su questa terra e diventare il mio capo, e trattare i miei figli con la stessa gentilezza e rispetto che i miei genitori mi avevano trattato.

Ricordo un commento del genere dal mio capo un giorno che mi ha fatto capire quanto possa essere dannoso per l’anima lavorare per qualcuno che ti guarda solo con un valore in dollari. Stavo spalando il grano, ed era un lavoro caldo e polveroso. Lui rise di me e disse: “Scommetto che ti piacerebbe ora che andassi al college, hey?”

Non ho risposto Qual era il punto? Come potrei spiegare che davvero non mi dispiaceva spalare il mio stesso grano, o il grano della mia famiglia, cresciuto sulla nostra terra, con altri che mi apprezzano.

Questo commerciante di semi guardava tutto e tutti come un business. Non c’era alcuna connessione dell’anima con la terra o con gli altri, e lui era felice solo se sapeva che aveva ricavato ogni grammo di lavoro da te che poteva.

Ho anche avuto la fortuna di trovare un partner che gode di questo stile di vita tanto quanto me. Ma, detto questo, quando stabiliamo i nostri standard e sappiamo esattamente ciò che vogliamo, attiriamo naturalmente quelli che si sentono uguali, quindi probabilmente non è solo una questione di fortuna. Ama vivere “in mezzo ai bastoni” e capisce che il tempo di qualità trascorso insieme è spesso il tempo trascorso a lavorare insieme. Impari a prendere ciò che puoi ottenere! Ma quando ami ciò che fai, raramente si sente di lavorare.

Come agricoltore, è impossibile programmare le vacanze, e quindi bisogna imparare l’arte della flessibilità e abbracciare le opportunità che si presentano.
Mentre la vita nel paese, specialmente in una fattoria, ha certamente le sue sfide, ho trovato che le ricompense superano di gran lunga quelle. Mentre dobbiamo lavorare in tutti i tipi di tempo e avere giorni in cui siamo letteralmente coperti di letame, c’è una grande bellezza nell’essere in costante connessione e ritmo con la Natura. Sento il sole sorgere ogni giorno, nei mesi estivi quando è forte, e in inverno quando è sottile. Ogni sera mentre preparo la cena, posso vederlo affondare nel paesaggio.

Quando vado nella nostra piccola città, che fortunatamente è sopravvissuta alle recenti tendenze e ha ancora una scuola e altre attività commerciali, sono accolto con un sorriso e una piacevole conversazione. Ci vuole solo un viaggio in città e un incontro con un venditore scontroso che sembra triste nella loro occupazione per apprezzare il servizio di una piccola città.

Un tempo mi chiedevo come sarebbe stata la mia vita se non fossi rimasto qui in campagna con la mia famiglia. Cosa sarebbe successo se avessi “inseguito” la scrittura, nel senso più convenzionale? Da allora sono venuto a sapere che non avrei avuto nulla da scrivere. Le mie parole sarebbero state vuote. Ma la mia anima si è adempiuta qui, vivendo sulla terra che ama e si prende cura di me e della mia famiglia, così scrivo di ciò che conosco e di ciò che amo – come contadino, genitore ed empatico – e condivido le parole che La natura vuole aver sentito.

Guardando indietro, non posso fare a meno di ammirare la giovane ragazza che ero, che sapeva dove doveva essere e cosa voleva. Terrò sempre un grande apprezzamento per i miei genitori che mi hanno sostenuto e incoraggiato ad ascoltare il mio cuore. La vita non è sempre andata come previsto, ci sono stati dossi e deviazioni lungo la strada, ma come in tutte le cose della vita, non ci sono incidenti e ogni scelta mi ha portato qui.

Non sono sicuro che i miei figli vogliano coltivare o stare in campagna, perché so che non è per tutti, ma cercherò sicuramente di offrire ogni opportunità possibile per aiutarli se scelgono di rimanere, o per tornare un giorno, come i miei genitori mi hanno fornito. Forse avranno bisogno di andarsene e spargere le ali. Forse troveranno un altro posto che li chiama e si sente come a casa. O forse saranno richiamati nella terra che li ama, conditi con lezioni di vita ed esperienze.
Che i miei figli scelgano di rimanere o no, possono scegliere uno stile di vita che li soddisfi, non semplicemente un’occupazione logica che paga le bollette; uno che nutre la loro anima, non la esaurisce; un modo di vivere in cui non vedono l’ora di alzarsi ogni giorno, vivere la loro passione ed esprimere la gioia che vive in loro; una vita in cui stanno veramente condividendo i loro doni.

In una società che è caduta nelle trappole della sovra-stimolazione, della distrazione e della competizione, ed è arrivata ad equiparare la felicità con il denaro e il successo con un titolo, sento che è ora di concentrarsi sui semplici piaceri della vita; cibo sano, ambiente sicuro e pulito per far crescere i nostri figli in ciò che sono e tempo per goderci l’un l’altro e vedere la magia nel mondo che ci circonda.

Sento che è tempo di concentrarsi sulle nostre piccole comunità, perché è qui che si può vivere questa vita sana. Queste piccole comunità possono essere create anche all’interno delle città. Sono semplicemente gruppi di persone che la pensano allo stesso modo e sono tutti disposti a co-creare il mondo in cui vogliono vivere. Sono queste comunità che incoraggeranno e permetteranno ai nostri figli di scegliere uno stile di vita, non un’occupazione. Gli orti comunitari sono un inizio meraviglioso per le persone che raccolgono e condividono il sacro atto di coltivare cibo nutriente e mostrare amore per la terra e la terra che li sostiene. È tempo che quelli di noi nelle piccole comunità smettano di mandare i nostri figli, la nostra risorsa più preziosa, “là fuori per una vita migliore” e iniziare a ricreare la vita che vogliamo proprio dove siamo. Non vogliamo trattenerli, ma possiamo incoraggiarli a rimanere o a tornare quando sono pronti. Possiamo mettere il nostro amorevole intento ed energia nelle nostre comunità, come un seme, e presto raccoglieremo il raccolto abbondante di persone soddisfatte e soddisfatte.
Tanto amore,
Jessie

Autore : Jessie Klassen – http://www.jessieklassen.com.
Fonte Originale : https://wakeup-world.com/2018/04/27/choose-a-way-of-life-not-an-occupation/?
Fonte : https://prepareforchange.net/2018/05/12/choose-a-way-of-life-not-an-occupation/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...