Sfrutta al Meglio la Frequenza in Arrivo

I 10 giorni di Portali di Attivazione Galattica, KIN 145/155 (03-12 Luglio 2018)
Sto ricevendo molte segnalazioni di stati dell’essere particolari in questi ultimi due giorni. Emozioni tanto intense, comprensioni che arrivano fulminee mettendo a posto situazioni interiori sospese, sbilanciamento tra poli opposti con enormi difficoltà a mantenere una posizione stabile. Soprattutto necessità di fare ordine perché la mente più che mai ha bisogno di punti fermi.

Utilizzerò le mappe dell’Astrologia Galattica per spiegare il movimento attuale perché il passaggio riguarda proprio il Modulo Armonico Tzolkin, arrivato alla sua dodicesima Onda Incantata (ciclo di 13 giorni) dall’inizio dell’attuale Spin Galattico (ciclo di 260 giorni – 13×20, la totale manifestazione delle tonalità musicali galattiche quando si interfacciano con la frequenza terrestre prendendo una forma: 13 Toni Galattici e 20 Glifi Solari).
La prima cosa da tenere in conto è che non è possibile creare ora punti fermi. Siamo appena entrati nell’ultima serie di Giorni Portali, come già avevo scritto in questo Post recente. Quando ci troviamo dentro questa sorta di tunnel del Tempo/Non-Tempo non possiamo muoverci come se fossimo comunque in una realtà di terza dimensione di causa/effetto.
Immaginiamo di dover imparare dei passi di una danza nuova, grazie alle quale acquisire grazia ed eleganza, armonizzando i gesti e prendendo consapevolezza dello spazio che occupiamo con il corpo. Inizialmente dobbiamo fare i conti con i gesti che magari non abbiamo mai compiuto. Forse dobbiamo muovere il bacino, e magari lì c’è un po’ di rigidità – del resto lì si somatizzano le castrazioni subite, i no che hanno causato insicurezza, paura e senso di impotenza. Poi è necessario entrare in comunione con il ritmo, permettergli di entrare nel profondo, fino a diventare quel ritmo. A volte esso può essere troppo veloce per come siamo abituati e causa affanno. E altre sintomatologie.
Eppure dopo aver ballato ci sentiamo bene, il corpo è leggero e la mente libera. Ci sentiamo vivi.

Ecco, questo è quello che sta accadendo in questo piccolo ciclo. Veniamo sollecitati da un ritmo di vita diverso dal solito, una cadenza affascinante, che ci trascina. Riconosciamo la sua bellezza, siamo attratti dalla sua grazia e dalla promessa implicita di poter respirare sempre meglio. Però….
La difficoltà è che questo, come tanti altri passaggi planetari di questo momento, è un movimento che ci chiede di essere, non di fare. Non ci sono azioni che possano essere compiute con responsabilità e consapevolezza se esse non corrispondono alla verità di quello che sentiamo dentro.

Non chiediamoci cosa dobbiamo fare.
O meglio, poniamo la domanda, ma perdendo interesse nel ricevere un’eventuale risposta. Diamo possibilità che la risposta arrivi solo quando saremo più che pronti a riceverla, senza affannarci. Magari la domanda non è neanche la migliore da porsi. Per cui formuliamola con un senso di sospensione, lasciando che il flusso di energia prenda la forma più adatta possibile nel corso delle giornate.
Lasciamo che la mente iper-sollecitata come sarà ora, si perda ancora un po’. Tanto non riesce a tenere l’attenzione, per cui inventiamoci modi creativi per farla lavorare. Che ne so, cucinare con intenzione, oppure mettere in ordine la collezione di fumetti, o attività del genere. Assecondiamo il movimento di sospensione.
Imparare a stare nell’Essere, anziché continuare ad identificarsi con il fare è un punto molto delicato, difficoltoso, perché richiede di riconoscere il proprio stato di nudità. Quante parole inutili, sprecate, questa benedetta mente scimmia ci fa dire per non sentire; quante azioni compiamo continuamente per non fermarci a guardare quella nudità. Tuttavia essa rappresenta la Purezza, uno stato interiore vergine e innocente. E soprattutto libero da sovrastrutture di giudizio, senso di separazione, rigidità e assenza di possibilità creative/immaginative.
Seguendo lo Tzolkin possiamo fare questo viaggio in modo consapevole in maniera ciclica ogni 260 giorni, che corrispondono a circa 9 mesi, una gestazione umana. Ciclo dopo ciclo impareremo pure qualcosa!

01-13 Luglio 2018 – Onda Incantata del Seme Giallo – KIN 144/156
In base al Sincronario Galattico delle 13 Lune è iniziata l’Onda Incantata del Seme Giallo, lo spazio temporale di 13 giorni dedicato alla Fioritura delle potenzialità. Essa inizia con il Kin 144, uno dei numeri più significativi per la cultura spirituale. 144 è il numero degli Eletti, i Prescelti che porteranno avanti il Nuovo Mondo, sia per la religione cattolica che per la tradizione maya. 144 nasce dal 12 che moltiplica se stesso – 12 deriva da 3 (perfezione divina) x 4 (numero della Terra). 144 è la miscela delle combinazioni astrologiche possibili (Astrologia Solare) che gli umani riescono ad incarnare (12 Segni x 12 Ascendenti).
Grazie al 144 ci troviamo davanti un ciclo, dal 01 al 13 luglio, in cui vibrare alto. In questa serie di 13 giorni consecutivi sono presenti 10 Portali di Attivazione Galattica, dal 03 al 12. Si tratta di momenti in cui la comunicazione tra Cielo e Terra è aperta. Sono i giorni che danno forma alla Matrice Galattica, il Seme Stellare contenuto all’interno del nostro DNA.

Con l’Onda del Seme Giallo usciamo da un ciclo di 52 giorni (iniziato lo scorso 23 maggio) chiamato Castello Ovest Blu del Bruciare, in base alla Storia Cosmica che Arguelles ha raccontato – qui il LINK per approfondire. Si tratta di fasi evolutive e di passaggio di coscienza dell’umanità durante le ere antiche che spiegano il viaggio dell’umano e del perché siamo precipitati dalla Quinta alla Terza Dimensione. In base ai miti raccontati (e non si capisce mai se il mito è tale o se porta in sé un afflato di verità. Lascio al vostro sentire la decisione) questi 52 giorni, mesi, anni, secoli (parliamo del tempo frattale) hanno portato tanto nutrimento e forza nell’animo, permettendoci di vivere l’auto-realizzazione e la connessione con il potere personale. Quando diventiamo consci di quelle che sono le nostre risorse, ecco che ci stiamo confrontando con il potere di cui siamo naturalmente dotati. Per utilizzare il talento, è necessario allenare le risorse per perfezionare il gesto.
Ecco, l’Onda del Seme Giallo ci conduce in fondo al viaggio all’interno del Castello della Magia, per affinare, integrare, attivare le risorse. Sono giorni in cui assaporare, gustare la gioia profonda dell’essenza. La massiccia presenza di pianeti retrogradi ci porta ad una sorta di atteggiamento riflessivo, in cui respirare all’interno del ventre e avvertire la Presenza che ci dona forza e centratura.
Durante i 10 giorni Portali ognuno riceverà tante intuizioni e possibilità di comprensioni profonde. Come sempre, ci si può focalizzare su intenti specifici affinché il flusso dell’energia diretta verso un obiettivo sia costruttivo e di supporto per la nostra vita in questo momento.
Nella notte tra 12 ed il 13 luglio, in conclusione d’Onda, ci sarà il Novilunio in Cancro esattamente opposto a Plutone in Capricorno, un aspetto di pura magia interiore: ciascuno di noi si metterà in contatto con la possibilità di superare le strette identificazioni per perdersi nel Sé, ritrovando un’antica forma da tanto dimenticata.
Ne parlerò ovviamente a suo tempo.
In lak’ech! (Io Sono un Altro Te Stesso)

Autore : Stefania Gyan Salila
Fonte : https://nottebluritmica.blogspot.com/2018/07/sfrutta-al-meglio-la-frequenza-in.html

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...