La Vera Separazione è la Maschera che indossi

L’anno Maestro così lo avevo chiamato! Credo che sia stato davvero chiaro per tutti e ancora non è finito e la notizia di adesso è che…. ci aspetta un altro anno dove chi ha seguito il Maestro raccoglierà ottimi frutti, mentre chi ancora si ostina a resistere e non scendere in profondità, avrà da affrontare altri ostacoli che andranno a rompere quelle catene con la forza.

Per ora godiamoci il viaggio e dopo questa dolce Luna Piena che ha visto Luna e Chirone congiunti, una grande carezza per l’Anima, quest’anno ci riserba ancora delle sorprese. Tutto ciò che è accaduto riguarda il nostro interiore e la sua manifestazione fuori di noi. Un interiore che avevamo dimenticato o speravamo non uscisse mai e invece era lì che aspettava il momento migliore per farsi riconoscere. L’ombra è stata forte e ci ha permesso di prendere delle decisioni di cambiamento del nostro stile di vita, del nostro sentire o di avvicinarci a un percorso nuovo per andare a vedere cosa giace dentro di noi e il perché di certi impedimenti e malesseri nella nostra vita.

Ci ha fatto riprendere il nostro potere, ci ha fatto vedere che è nostra responsabilità e che sta dentro di noi e noi negli altri, che se ci incarichiamo della nostra vita possiamo davvero migliorare quei lati che non ci fanno stare bene….e in questo modo, molti si sono accorti di non star vivendo la vita che vogliono!

Ci costruiamo maschere fin da piccoli in base alla famiglia che abbiamo e alle strategie che si assumono per salvarci dal dolore provocato da certi comportamenti emotivi, mentali, energetici che ereditiamo dal nostro albero genealogico e che viviamo fin da piccoli. In quel momento ci salvano la vita ma poi diventano degli automatismi robotici che ci portiamo dietro fino a età avanzata. Crediamo di essere qualcosa o qualcuno che non siamo ma questo, se ci permette di essere accettati in famiglia, in società, dal partner, è uno scambio che siamo disposti a fare in cambio, appunto, di un pò di amore, di “essere bravi per mamma e papà” perché se non sei in un certo modo sei un bimbo cattivo, non vali e per la società anche. Immaginatevi il peso che dobbiamo caricare in una struttura sociale volta alla competizione, a creare il “migliore”, a emarginare chi è donna incinta, o giovane che vuole bambini, o con problematiche psicologiche che non si sanno trattare se non con psicofarmaci, con una mancanza assoluta di integrazione e accettazione di quegli elementi definiti “diversi”. Tutto questo crea sofferenza.

Allora, in una Società malata, ci ritroviamo a dover indossare delle maschere con tutti e anche con noi stessi. A fare lavori che non ci realizzano ma sono socialmente accettati, soprattutto dai genitori. A stare con persone che in apparenza sono “brave, belle, corrette”, a vivere nella superficialità della vita così è più semplice, finché un giorno qualcosa bussa alla porta e ti fa ACCORGERE. Questo è quello che è successo a molti di noi in questo anno…. qualcuno o qualcosa ha bussato alla nostra porta.

Abbiamo parlato delle maschere quando vi raccontavo delle eclissi che avrebbero spinto sull’apertura del cuore e tornare ad essere autentici togliendoci le maschere che ci fanno apparire ciò che piace agli altri, per ricevere complimenti e sostegno, per essere accettati. Sarebbero cadute le identificazione su cui abbiamo di nuovo iniziato a lavorare a un livello più profondo e tutto ciò che l’Ego crea per non lasciar andare il controllo è causa di grosse sofferenze e crea le maschere che non solo ci fanno vivere costantemente nell’illusione, ma ci separano da noi stessi, aumentando quel senso di separazione che abbiamo fin dalla nascita e che è insito negli esseri umani quando si incarnano perché si separano da una dimensione di beatitudine e amore incondizionato, con il compito di riportarla nella Terra.

Quando arriviamo sulla Terra incontriamo tutto tranne l’amore incondizionato e ci sentiamo abbandonati da qualcosa o qualcuno che non troveremo mai. Inizia il martirio con esperienze che risvegliano ferite interiori e che, grazie al sistema sociale, buttiamo fuori sugli altri, sviluppando quel rancore che ci rende vittime di tutto e tutti.

Abbiamo bisogno di cambiare una Società che si basa sulla creazione di vittime. Se sei una vittima e ti metti una maschera sarai per sempre senza il tuo potere perché verrai mantenuto nella sofferenza. E’ chiaro che il potere ce l’hai comunque sempre tu, anche se non è certo facile, in un Mondo che dice che è tutto nero, vedere del bianco. Sarà difficile andare contro corrente. Ti sentirai sola a farlo e vedrai che trovi poche persone con cui condividerlo, allora penserai che non ne vale la pena che la consapevolezza crea più problemi del non sapere né comprendere nulla.

Le pecore nere hanno difficoltà a sopravvivere serene in un Mondo di finte pecore bianche. Al rispondere ai “doveri” sociali e famigliari diventiamo dei robot. Ci dimentichiamo di noi e non siamo più presenti ma cerchiamo vie di fuga in ogni modo e maniera. Ma da chi stiamo scappando? Da chi fuggiamo pensando di star facendo bene, perché se rispondo ai modelli sociali è quello che si “deve” fare e non mi pongo di certo la domanda se va bene o no, ma divento un automa. Ma va bene o no per chi? a te cosa ti fa star bene? fai delle cose che ti fanno davvero star bene e non che ti dovrebbero far star bene secondo modelli preconfezionati?

Togliti la maschera e guarda allo specchio chi c’è dietro. E’ possibile che trovi una donna o un uomo denutriti perché quel vero nutrimento non l’hai più ricevuto e non te lo sei permesso da tanto tempo. Non vieni qui a salvare i tuoi genitori e nemmeno a salvare il Mondo, non devi niente a nessuno te lo hanno mai detto? e nessuno deve nulla a te e per questo è necessario ringraziare quando qualcuno ti offre qualcosa, ti dona qualcosa. Siamo tuti qui con delle prove ataviche da superare e ancora ci permettiamo di giudicare e giudicarci incapaci, brutti, non meritevoli. Ci permettiamo di giudicare gli atti degli altri e non sappiamo nemmeno quali storie si celino dietro a quelle persone. Spesso ci crediamo Dio in un modo così arrogante che non gli assomigliamo nemmeno lontanamente.

Togliti la maschera e sii te stesso anche se le cose che ti fanno stare bene sono diversissime da quello che ti hanno raccontato. Abbi il coraggio di agire seguendo ciò che nutre veramente il tuo cuore anche se sono atti folli di amore incondizionato, diversi dagli altri. Non avere paura di esprimerlo, il Mondo ha bisogno di questo. Incontrerai chi ti mostra chi sei e cambieranno le persone che frequenti perché se ti dai una possibilità permetti anche a loro di darsela ma non dipende da te. Smetti di pensare che tutto dipende da te perché non è così, ognuno ha un destino e un percorso da fare e questo va rispettato. Anche la sofferenza è da vivere perché ti dona comprensione ed evoluzione, maturità interiore e indipendenza emotiva.

L’integrazione è la vera guarigione. Tornare ad essere integri è la vera via della pienezza. In quella integrità si includono tutti gli aspetti, anche il vuoto. Siamo esseri meravigliosi con la capacità di amare incondizionatamente. Se vogliamo stare bene dobbiamo solo accettare le regole dell’esistenza e non quelle di una Società che cambierà con te se tu ti dai l’opportunità di guardare dietro le maschere e alla separazione, valorizzando il qui e ora con tutta te stessa…Anima cara che sei in viaggio su questo Pianeta.

Il tempo è adesso.

Autore : Ollin
Fonte : https://www.semidiluceblu.it/2018/09/26/la-vera-separazione-e-la-maschera-che-indossi-ollin/
Fonte : https://camminanelsole.com/la-vera-separazione-e-la-maschera-che-indossi-ollin/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...