Chi è Papa Francesco?

Jorge Mario Bergoglio e la “Dirty War” in Argentina
Dall’inizio del suo mandato in Vaticano nel marzo 2013 fino alle recenti rivelazioni di scandali sessuali all’inizio del 2018, Papa Francesco è stato interpretato dai media occidentali e dalla comunità internazionale come sostenitore di sinistra della “Teologia della liberazione” impegnata nella pace mondiale e nella Alleviazione della povertà globale .
Papa Francesco è ora accusato di copertura, corruzione e camuffamento.
L’ex nunzio apostolico presso l’arcivescovo americano Carlo Maria Viganò ha affermato in una testimonianza di undici pagine che papa Francesco è stato coinvolto (sin dall’inizio del suo pontificato nel marzo 2013) nella copertura delle accuse di abusi sessuali contro l’ex cardinale Theodore McCarrick. Viganò dice che papa Francesco dovrebbe dimettersi dal papato. Nella sua testimonianza, l’Arcivescovo Viganò descrive la situazione prevalente all’interno della Chiesa. Ha riconosciuto che:

“Vescovi e sacerdoti, abusando della loro autorità, hanno commesso crimini orribili a scapito dei loro fedeli, minori, vittime innocenti e giovani uomini desiderosi di offrire la loro vita alla Chiesa, o con il loro silenzio non hanno impedito che tali crimini continuino ad essere perpetrato. … Dobbiamo avere il coraggio di abbattere la cultura della segretezza e di confessare pubblicamente le verità che abbiamo tenuto nascoste “.

Le dichiarazioni dell’arcivescovo Vigano (che restano pienamente confermate) dirette contro papa Francesco riguardano uno schema di presunti abusi (inclusa la pedofilia) commessi all’interno della Chiesa cattolica a cui papa Francesco aveva casualmente “chiuso un occhio”. Ma c’è “More than Meets the Eye”.

Chi era Jorge Mario Bergoglio prima di diventare Papa?
Prima della sua elezione dal conclave papale, il ruolo di Jorge Maria Bergoglio in “Dirty War” in Argentina era noto e documentato. Era noto al Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. Deve essere stato conosciuto da uno o più dei 115 “Cardinali Elettori” del Conclave Pontificio che si sono riuniti nella Cappella Sistina il 12 marzo 2013. Inutile dire che sia la Gerarchia cattolica che la comunità internazionale hanno chiuso un occhio. E i media attraverso “omissione” sono rimasti in silenzio. Jorge Mario Bergoglio non solo ha sostenuto la dittatura militare, ha anche svolto un ruolo diretto e complice nella “Guerra sporca” (la guerra sucia “) in collegamento con la giunta militare guidata dal generale Jorge Videla, che ha portato all’arresto, alla detenzione, alla tortura e la scomparsa di preti cattolici progressisti e laici che erano contrari al dominio militare argentino.

“Mentre i due preti Francisco Jalics e Orlando Yorio, rapiti dagli squadroni della morte nel maggio 1976, furono rilasciati cinque mesi dopo. dopo essere stati torturati, altre sei persone associate nella loro parrocchia rapite come parte della stessa operazione sono state “scomparse” (desaparecidos). ”

In un’amara ironia, i due sacerdoti inviati alla camera di tortura furono impegnati nella Teologia della Liberazione contro la quale Bergoglio a quel tempo era fermamente opposto. Per non dimenticare, poco dopo la sua investitura nel marzo 2013, papa Francesco è stato descritto dai media britannici di aver portato “Teologia della liberazione in Vaticano”, sulle orme di Francesco d’Assisi. Era un’affermazione priva di senso (“notizie false”): nel 1976, l’intento di Bergoglio (in collegamento con la giunta militare) era di annientare la teologia della liberazione.
Nel 2005, l’avvocato per i diritti umani Myriam Bregman ha intentato una causa penale contro il cardinale Jorge Bergoglio, accusandolo di aver cospirato con la giunta militare nel rapimento di due sacerdoti gesuiti nel 1976.
Diversi anni dopo, i sopravvissuti della “Guerra sporca” accusarono apertamente il cardinale Jorge Bergoglio di complicità nel rapimento di preti Francisco Jalics y Orlando Yorio e di sei membri della loro parrocchia (che erano scomparsi), (El Mundo, 8 novembre 2010). Tutto questo era noto prima della sua investitura. Perché non è stato rivelato al pubblico più ampio? I cattolici di tutto il mondo sono totalmente inconsapevoli di “Who was Pope Francis I”, Jorge Mario Bergoglio. Il seguente articolo è stato scritto per la prima volta nel marzo 2013 in seguito all’elezione del cardinale Jorge Mario Bergoglio a Papa Francesco I dal conclave vaticano. Le modifiche minori sono state aggiunte a maggio 2013. Michel Chossudovsky, Global Research, 29 agosto 2018:

“Papa di Washington”? Chi è Papa Francesco I? Il cardinale Jorge Mario Bergoglio e la “sporca guerra” argentina
di Michel Chossudovsky – 14 marzo 2013
Il conclave vaticano ha eletto il cardinale Jorge Mario Bergoglio come papa Francesco I .
Chi è Jorge Mario Bergoglio?
Nel 1973 era stato nominato “Provinciale” dell’Argentina per la Compagnia di Gesù.
In questa veste, Bergoglio fu il gesuita di più alto grado in Argentina durante la dittatura militare guidata dal generale Jorge Videla (1976-1983).
In seguito divenne vescovo e arcivescovo di Buenos Aires. Papa Giovanni Paolo II lo ha elevato al titolo di cardinale nel 2001.
Quando la giunta militare lasciò il potere nel 1983, il presidente debitamente eletto Raúl Alfonsín istituì una commissione di verità sui crimini alla base della “Guerra sporca” (La Guerra Sucia).
La giunta militare era stata sostenuta segretamente da Washington.
NOI. Il segretario di stato Henry Kissinger ha interpretato un ruolo dietro le quinte nel colpo di stato militare del 1976.
Il vice delegato di Kissinger sull’America Latina, William Rogers, gli disse due giorni dopo il colpo di stato che “dobbiamo aspettarci una buona dose di repressione, probabilmente una buona dose di sangue, in Argentina prima troppo tempo.” … (Archivio della sicurezza nazionale , 23 marzo 2006)

“Operazione Condor”
Ironia della sorte, un processo importante si è aperto a Buenos Aires il 5 marzo 2013, una settimana prima dell’investitura del Cardinale Bergoglio come Pontefice. Il processo in corso a Buenos Aires è: “considerare la totalità dei crimini compiuti sotto l’operazione Condor, una campagna coordinata da varie dittature latinoamericane appoggiate dagli Stati Uniti negli anni ’70 e ’80 per dare la caccia, torturare e uccidere decine di migliaia di oppositori di quei regimi. ”
Per ulteriori dettagli, vedi Operazione Condor: prova sul programma di reclutamento e assassinio in America Latina di Carlos Osorio e Peter Kornbluh, 10 marzo 2013.
La giunta militare guidata dal generale Jorge Videla (a sinistra) è stata responsabile di innumerevoli omicidi, tra cui preti e suore che si sono opposti al governo militare dopo il colpo di stato promosso dalla CIA il 24 marzo 1976 che ha rovesciato il governo di Isabel Peron:

” Videla era tra i generali condannati per crimini sui diritti umani, tra cui” sparizioni “, torture, omicidi e rapimenti. Nel 1985, Videla fu condannata all’ergastolo nel carcere militare di Magdalena. ”

Wall Street e l’agenda economica neoliberale
Uno degli appuntamenti chiave della giunta militare (sulle istruzioni di Wall Street) è stato il ministro dell’Economia, José Alfredo Martinez de Hoz, membro dello stabilimento commerciale argentino e amico intimo di David Rockefeller.
Il pacchetto neoliberale di politica macroeconomica adottato con Martinez de Hoz era una “copia carbone” di quella imposta nell’ottobre 1973 in Cile dalla dittatura di Pinochet su consiglio dei “Chicago Boys”, dopo il colpo di stato dell’11 settembre 1973 e l’assassinio del presidente Salvador Allende.
I salari furono immediatamente congelati per decreto. Il vero potere d’acquisto è crollato di oltre il 30 percento nei 3 mesi successivi al colpo di stato militare del 24 marzo 1976. (Stime dell’autore, Cordoba, Argentina, luglio 1976). La popolazione argentina è stata impoverita.
Sotto la guida del ministro dell’Economia José Alfredo Martinez de Hoz, la politica monetaria della banca centrale è stata in gran parte determinata da Wall Street e dal Fondo monetario internazionale. Il mercato valutario è stato manipolato. Il peso è stato deliberatamente sopravvalutato portando a un debito estero insormontabile. L’intera economia nazionale fu precipitata in bancarotta.

Wall Street e la gerarchia della Chiesa cattolica
Wall Street era fermamente alle spalle della giunta militare che ha ingaggiato “The Dirty War” per suo conto. A sua volta, la gerarchia della Chiesa cattolica ha svolto un ruolo centrale nel sostenere la legittimità della giunta militare.
L’Ordine di Gesù – che rappresentava la fazione conservatrice ancora più influente all’interno della Chiesa cattolica, strettamente associata alle élite economiche argentine – era fermamente dietro la giunta militare, contro le cosiddette “sinistre” nel movimento peronista.

“The Dirty War”: accuse rivolte contro il cardinale Jorge Mario Bergoglio
Condannare la dittatura militare (comprese le violazioni dei diritti umani) era un tabù all’interno della Chiesa cattolica. Mentre i vertici della Chiesa sostenevano la giunta militare, la base della Chiesa era fermamente contraria all’imposizione del potere militare.
Nel 2005, l’avvocato per i diritti umani Myriam Bregman ha intentato una causa penale contro il cardinale Jorge Bergoglio, accusandolo di aver cospirato con la giunta militare nel rapimento di due sacerdoti gesuiti nel 1976.
Diversi anni dopo, i sopravvissuti della “Guerra sporca” accusarono apertamente il cardinale Jorge Bergoglio di complicità nel rapimento di preti Francisco Jalics y Orlando Yorio e di sei membri della loro parrocchia, (El Mundo, 8 novembre 2010).
Bergoglio, che all’epoca era “Provinciale” per la Compagnia di Gesù, aveva ordinato ai due sacerdoti gesuiti “di sinistra” e agli oppositori del potere militare “di lasciare il loro lavoro pastorale” (cioè furono licenziati) a seguito di divisioni all’interno della Compagnia di Gesù riguardo al ruolo della Chiesa cattolica e alle sue relazioni con la giunta militare. Mentre i due preti Francisco Jalics e Orlando Yorio, rapiti dagli squadroni della morte nel maggio 1976, furono rilasciati cinque mesi dopo. dopo essere stati torturati, altre sei persone associate alla loro parrocchia rapita come parte della stessa operazione sono state “scomparse” (desaparecidos). Questi includevano quattro insegnanti associati alla parrocchia e due dei loro mariti. Al suo rilascio, il prete Orlando Yorio “accusò Bergoglio di consegnarli effettivamente [tra cui sei altre persone] agli squadroni della morte … Jalics rifiutò di discutere la denuncia dopo essersi trasferita in clausura in un monastero tedesco.” (Associated Press, 13 marzo 2013 , enfasi aggiunta),

“Durante il primo processo ai capi della giunta militare nel 1985, Yorio dichiarò:” Sono sicuro che lui stesso ha dato la lista con i nostri nomi alla Marina. “I due furono portati alla famigerata Scuola di Meccanica della Marina (ESMA) centro di tortura e tenuto per oltre cinque mesi prima di essere drogato e scaricato in una città fuori città. (Vedi Bill van Auken, “The Dirty War” Pope, World Socialist Website e Global Research, 14 marzo 2013).
Tra quelli “scomparsi” dagli squadroni della morte c’erano Mónica Candelaria Mignone e María Marta Vázquez Ocampo, rispettivamente figlia del fondatore del CELS (Centro de Estudios Legales y Sociales) Emilio Mignone e figlia del presidente di Madres de Plaza de Mayo, Martha Ocampo de Vázquez. (El Periodista Online, marzo 2013).
María Marta Vásquez, suo marito César Lugones (vedi foto a destra) e Mónica Candelaria Mignone presumibilmente “consegnati agli squadroni della morte” dal gesuita “Provinciale” Jorge Mario Bergoglio sono tra le migliaia di “desaparecidos” (scomparsi) della “Guerra sporca” dell’Argentina “, Che è stato supportato segretamente da Washington sotto” Operazione Condor “. (Vedi memorialmagro.com.ar)

Nel corso del processo iniziato nel 2005:
“Bergoglio (Papa Francesco I) invocato due volte il suo diritto sotto la legge argentina per rifiutarsi di apparire in tribunale, e quando alla fine ha testimoniato nel 2010, le sue risposte sono state evasive”: “Almeno due casi direttamente coinvolti Bergoglio. Uno ha esaminato la tortura di due dei suoi sacerdoti gesuiti – Orlando Yorio e Francisco Jalics – che sono stati rapiti nel 1976 dai bassifondi in cui sostenevano la teologia della liberazione. Yorio ha accusato Bergoglio di consegnarli effettivamente agli squadroni della morte … declinando di dire al regime che ha approvato il loro lavoro. Jalics ha rifiutato di discuterne dopo essersi trasferito in clausura in un monastero tedesco. “(Los Angeles Times, 1 ° aprile 2005 enfasi aggiunta)

The Secret Memorandum
Il governo militare ha riconosciuto in un Memo segreto (vedi sotto) che padre Bergoglio aveva accusato i due sacerdoti di aver stabilito contatti con i guerriglieri e di aver disobbedito agli ordini della gerarchia della Chiesa (Conflictos de obedecencia). Affermò anche che l’ordine dei Gesuiti aveva chiesto lo scioglimento del loro gruppo e che si erano rifiutati di attenersi alle istruzioni di Bergoglio.
Il documento riconosce che “l’arresto” dei due sacerdoti, che erano stati portati al centro di tortura e di detenzione presso la Scuola di Meccanica Navale dell’ESMA, era basato sulle informazioni trasmesse da padre Bergoglio alle autorità militari. (firmato da Mr. Orcoyen).
Mentre un ex membro del gruppo dei sacerdoti si era unito all’insurrezione, non c’era alcuna prova che i preti avessero contatti con il movimento di guerriglia.

“Santa Comunione per i dittatori”
Le accuse rivolte a Bergoglio contro i due preti gesuiti rapiti e sei membri della loro parrocchia non sono che la punta dell’iceberg. Mentre Bergoglio era una figura importante nella Chiesa cattolica, non era certo il solo a sostenere la giunta militare.
Secondo l’avvocato Myriam Bregman: “Le stesse dichiarazioni di Bergoglio hanno dimostrato che i funzionari della chiesa sapevano fin da subito che la giunta stava torturando e uccidendo i suoi cittadini”, e tuttavia approvò pubblicamente i dittatori. “La dittatura non avrebbe potuto funzionare in questo modo senza questo supporto chiave” (Los Angeles Times, enfasi del 1 ° aprile 2005 aggiunta).
L’intera gerarchia cattolica era dietro la dittatura militare sponsorizzata dagli Stati Uniti. Vale la pena ricordare che il 23 marzo 1976, alla vigilia del colpo di stato militare:

“Videla e altri cospiratori ricevettero la benedizione dell’Arcivescovo di Paraná, Adolfo Tortolo, che servì anche come vicario delle forze armate. Il giorno dello stesso rilevamento, i leader militari hanno avuto un lungo incontro con i leader della conferenza del vescovo. Mentre usciva da quell’incontro, l’arcivescovo Tortolo affermava che “la chiesa ha una sua missione specifica. . . ci sono circostanze in cui non può astenersi dal partecipare anche quando si tratta di problemi legati allo specifico ordine dello stato. “Ha esortato gli argentini a” collaborare in modo positivo “con il nuovo governo.” (The Humanist.org , Gennaio 2011, enfasi aggiunta)
In un’intervista condotta con El Sur, il generale Jorge Videla, che ora è [passato a maggio 2013] scontando l’ergastolo per crimini contro l’umanità, ha confermato che:

“Ha mantenuto la gerarchia cattolica del Paese informata sulla politica del suo regime di sparire avversari politici, e che i leader cattolici hanno offerto consigli su come gestire la politica.”

Jorge Videla ha detto di avere “molte conversazioni” con il primate dell’Argentina, il cardinale Raúl Francisco Primatesta, sulla sporca guerra del suo regime contro gli attivisti di sinistra. Ha detto che ci sono state anche conversazioni con altri vescovi di spicco della conferenza episcopale argentina e con il nunzio papale del paese, all’epoca, Pio Laghi.

“Ci hanno consigliato il modo in cui affrontare la situazione”, ha detto Videla “(Tom Henningan, ex dittatore argentino dice di aver detto alla Chiesa cattolica scomparsa, Irish Times, 24 luglio 2012, enfasi aggiunta).

Vale la pena notare che, secondo una dichiarazione del 1976 dell’arcivescovo Adolfo Tortolo, i militari avrebbero sempre consultato un membro della gerarchia cattolica nel caso dell ‘”arresto” di un membro di base del clero. Questa affermazione è stata fatta specificamente in relazione ai due sacerdoti gesuiti rapiti, le cui attività pastorali erano sotto l’autorità della Compagnia di Gesù “provinciale” Jorge Mario Bergoglio. (El Periodista Online, marzo 2013). Nell’approvare la giunta militare, la gerarchia cattolica fu complice della tortura e degli omicidi di massa, si stima che “22.000 morti e scomparsi, dal 1976 al 1978 … Migliaia di altre vittime furono uccise tra il 1978 e il 1983 quando l’esercito fu costretto dal potere.” ( Archivio di sicurezza nazionale, 23 marzo 2006).

Il ruolo del Vaticano
Il Vaticano sotto Papa Paolo VI e Papa Giovanni Paolo II ha avuto un ruolo centrale nel sostenere la giunta militare argentina. Pio Laghi, il nunzio apostolico del Vaticano in Argentina, ha ammesso di “chiudere un occhio” sulle torture e i massacri. Laghi aveva legami personali con i membri della giunta militare al potere tra cui il generale Jorge Videla e l’ammiraglio Emilio Eduardo Massera. L’ammiraglio Emilio Massera, in stretta collaborazione con i suoi conduttori degli Stati Uniti, fu la mente di “La Guerra Sucia”. Sotto gli auspici del regime militare, ha stabilito:

“Un centro di interrogatori e torture nella Scuola di Meccanica Navale, ESMA [vicino a Buenos Aires], … Era una struttura sofisticata e polifunzionale, vitale nel piano militare per assassinare circa 30.000” nemici dello stato “. … Molte migliaia di detenuti dell’ESMA, tra cui, ad esempio, due suore francesi, venivano regolarmente torturate senza pietà prima di essere uccise o lasciate cadere dall’aereo nel fiume Plata.
Massera, il membro più forte del triumvirato, fece del suo meglio per mantenere i suoi legami con Washington. Ha contribuito allo sviluppo di Plan Cóndor, uno schema collaborativo per coordinare il terrorismo praticato dai regimi militari sudamericani. (Hugh O’Shaughnessy, ammiraglio Emilio Massera: ufficiale della marina che prese parte al colpo di stato del 1976 in Argentina e fu poi incarcerato per la sua parte nei crimini della giunta, The Independent, 10 novembre 2010, enfasi aggiunta)
I rapporti confermano che il rappresentante del Vaticano Pio Laghi e l’Ammiraglio Emilio Massera erano amici.

La Chiesa cattolica: il Cile contro l’Argentina
Vale la pena notare che, sulla scia del colpo di stato militare in Cile dell’11 settembre 1973, il cardinale di Santiago del Cile, Raul Silva Henriquez, condannò apertamente la giunta militare guidata dal generale Augusto Pinochet. In netto contrasto con l’Argentina, questa posizione della gerarchia cattolica in Cile è stata determinante per arginare l’ondata di omicidi politici e violazioni dei diritti umani dirette contro i sostenitori di Salvador Allende e gli oppositori del regime militare.
L’uomo dietro il comitato interreligioso Pro-Paz era il cardinale Raúl Silva Henríquez. Poco dopo il colpo di stato, Silva, … entrò nel ruolo di “in salita”, un termine che l’autore e attivista Samantha Power coniava per distinguere le persone che si opponevano all’ingiustizia – spesso con un grande rischio personale – da “spettatori”.
… Subito dopo il colpo di stato, Silva e altri dirigenti della chiesa hanno pubblicato una dichiarazione che condanna ed esprime dispiacere per lo spargimento di sangue. Questo è stato un punto di svolta fondamentale per molti membri del clero cileno … Il cardinale ha visitato lo stadio nazionale e, scioccato dalle dimensioni della repressione governativa, ha incaricato i suoi aiutanti di iniziare a raccogliere informazioni dalle migliaia di persone accorse alla chiesa per rifugiarsi. Le azioni di Silva portarono ad un aperto conflitto con Pinochet, che non esitò a minacciare la chiesa e il Comitato Pro-Paz. (Prendendo una posizione contro Pinochet: la Chiesa cattolica e il pdf sparito)
Se la gerarchia cattolica in Argentina e Jorge Mario Bergoglio assunsero una posizione simile a quella del cardinale Raul Silva Henriquez, migliaia di vite sarebbero state salvate.
Jorge Mario Bergoglio non era, nelle parole di Samantha Power, un “astante”. Era complice di gravi crimini contro l’umanità. Né papa Francesco è “un uomo del popolo” impegnato ad “aiutare i poveri” sulle orme di San Francesco d’Assisi, come interpretato in coro dal mantra mediatico occidentale. Al contrario, i suoi sforzi sotto la giunta militare, hanno preso di mira in modo coerente i membri progressisti del clero cattolico e hanno impegnato attivisti per i diritti umani coinvolti in programmi anti-povertà di base.
Nel sostenere la “Guerra sporca” in Argentina, Jorge Mario Bergoglio ha palesemente violato gli stessi principi della morale cristiana che custodiscono il valore della vita umana. Messaggio dell’autore a papa Francesco: “Non uccidere”

“Operazione Condor” e la Chiesa cattolica
L’elezione del cardinale Bergoglio da parte del conclave vaticano per servire come Papa Francesco I avrà ripercussioni immediate sul processo in corso “Operazione Condor” a Buenos Aires.
La Chiesa è stata coinvolta nel sostegno alla giunta militare. Questo è qualcosa che emergerà nel corso del processo. Senza dubbio, ci saranno tentativi di offuscare il ruolo della gerarchia cattolica e del neo nominato papa Francesco I, che è stato a capo dell’ordine gesuita dell’Argentina durante la dittatura militare.

Jorge Mario Bergoglio: “Il papa di Washington in Vaticano”?
L’elezione di Papa Francesco I ha ampie implicazioni geopolitiche per l’intera regione latinoamericana.
Negli anni ’70, Jorge Mario Bergoglio sosteneva una dittatura militare sponsorizzata dagli Stati Uniti.
La gerarchia cattolica in Argentina ha sostenuto il governo militare. Il programma di tortura, assassinii e “sparizioni” della Junta di migliaia di oppositori politici è stato coordinato e sostenuto da Washington sotto l’operazione “Condor” della CIA. Gli interessi di Wall Street furono sostenuti attraverso l’ufficio di Jose Alfredo Martinez de Hoz presso il Ministero dell’Economia. La Chiesa cattolica in America Latina è politicamente influente. Ha anche una presa sull’opinione pubblica. Questo è noto e compreso dagli architetti della politica estera statunitense e dall’intelligence americana. In America Latina, dove diversi governi stanno sfidando l’egemonia degli Stati Uniti, ci si aspetterebbe – secondo il passato di Bergoglio – che il nuovo Pontefice Francesco I come leader della Chiesa cattolica, svolgerà de facto, un discreto ruolo politico “sotto copertura” su per conto di Washington.
Con Jorge Bergoglio, Papa Francesco I in Vaticano – che ha fedelmente servito gli interessi degli Stati Uniti nel periodo di massimo splendore del generale Jorge Videla e dell’ammiraglio Emilio Massera – la gerarchia della Chiesa cattolica in America Latina può ancora essere efficacemente manipolata per minare “progressista” (Sinistra ) governi, non solo in Argentina (in relazione al governo di Cristina Kirschner) ma in tutta la regione, compresi Venezuela, Ecuador e Bolivia. L’istallazione di “un papa filoamericano” si è verificata una settimana dopo la morte del presidente Hugo Chavez.

“Cambio di regime” in Vaticano
Il Dipartimento di Stato USA esercita pressioni periodiche sui membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite al fine di influenzare il voto relativo alle risoluzioni del Consiglio di sicurezza.
Le operazioni segrete degli Stati Uniti e le campagne di propaganda vengono regolarmente applicate al fine di influenzare le elezioni nazionali in diversi paesi del mondo.
Allo stesso modo, la CIA ha una relazione segreta di lunga data con il Vaticano.
Il governo degli Stati Uniti ha tentato di influenzare l’esito dell’elezione del nuovo pontefice?
Impegnato con fermezza a servire gli interessi della politica estera americana in America Latina, Jorge Mario Bergoglio era il candidato preferito di Washington.
C’erano pressioni sotto copertura esercitate in modo discreto da Washington, all’interno della Chiesa cattolica, direttamente o indirettamente, sui 115 cardinali membri del conclave vaticano?

Nota dell’autore
Dall’inizio del regime militare nel 1976, sono stato Visiting Professor presso l’Istituto di politica sociale della Universidad Nacional de Cordoba, in Argentina. Il mio principale obiettivo di ricerca all’epoca era di indagare sugli impatti sociali delle letali riforme macroeconomiche adottate dalla giunta militare.
Stavo insegnando all’Università di Cordoba durante l’iniziale ondata di omicidi che ha preso di mira anche i membri progressisti del clero cattolico.
La città industriale settentrionale di Cordoba era il centro del movimento di resistenza. Ho visto come la gerarchia cattolica ha sostenuto attivamente e regolarmente la giunta militare, creando un’atmosfera di intimidazione e paura in tutto il paese. Il sentimento generale in quel momento era che gli argentini erano stati traditi dai vertici della Chiesa cattolica. Tre anni prima, all’epoca del colpo di stato militare cileno dell’11 settembre 1973, che portò al rovesciamento del governo di Unità Popolare di Salvador Allende, ero Visiting Professor presso l’Institute of Economics, Università Cattolica del Cile, Santiago del Cile. Nell’immediata scia del colpo di stato in Cile, ho visto come il cardinale di Santiago, Raul Silva Henriquez, a nome della Chiesa cattolica, ha coraggiosamente affrontato la dittatura militare del generale Augusto Pinochet.

Autore : Michel Chossudovsky
Fonte originale di questo articolo è Global Research
Copyright © Prof Michel Chossudovsky, Global Research, 2018
Fonte : https//www.prepareforchange.net/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...