Heart Thinking

Come iniziare a “Pensare” col Cuore
Per troppo tempo, ma in particolare nel mondo occidentale moderno, abbiamo pensato al cuore semplicemente come un meccanismo di pompaggio responsabile di portare il sangue ai nostri organi.

L’importanza fisica del cuore non deve essere sottovalutata, sostiene la vita, invia il sangue della vita alle membra del nostro sistema vascolare – ma questa è una visione troppo semplicistica di ciò che il cuore è capace.

L’ultima ricerca di Gregg Braden approfondisce l’antica tecnica dell’uso del cuore come organo intelligente.

L’intelligenza del cuore è stata ignorata per troppo tempo. Ciò che abbiamo appreso della saggezza del cuore, tuttavia, negli ultimi anni attraverso l’Heart Math Institute e attraverso la ricerca di psicologi, neurobiologi e resuscitati insegnamenti di saggezza dal nostro antico passato – dovrebbe ispirare tutti a guardare al cuore in un modo completamente nuovo.

Per coloro che non sono abituati a usare la loro intelligenza innata – questa è la loro intuizione – sintonizzarsi nel cuore per trovare risposte alle domande più profonde e difficili che potrebbero farcela potrebbe sembrare ridicolo. Perché chiedere al cuore se rimanere in una relazione che è impegnativa, o anche se si dovrebbe passare attraverso una procedura medica?

Potrebbe sembrare ignorante o anche a casaccio chiedere al cuore domande come queste, ma ha saggezza che l’intelletto non può eguagliare. Ecco perché:
Il cuore non invia informazioni attraverso un filtro egoico.

Il cuore conosce il tuo passato, il tuo presente e il tuo futuro. La sua intelligenza non si preoccupa dei tuoi costrutti egoici. Il cuore parla semplicemente da un luogo completamente neutrale.

Puoi pensarlo come un caro amico che ha a cuore il tuo miglior interesse e a chi non importa di rendersi bello nei tuoi occhi.

Hridaya
C’è un termine antico che non ha una traduzione inglese diretta che descrive questa intelligenza del cuore. Hridaya, è l’energia che è contenuta nel chakra del cuore. Questo non è solo il cuore fisico, ma il cuore spirituale. Contiene l’intelligenza di Dio o la mente trascendente.

La parola deriva dalla lingua sanscrita, e il significato più vicino all’inglese sarebbe qualcosa del genere:

Hrid = centro

Ayam = questo

Quindi, il cuore spirituale ti porta sempre al centro. Non si allontanerà dal tuo sé supremo, assumendo sempre una visione a 360 gradi (e oltre) di qualsiasi situazione tu possa affrontare.

Lo yogi Bhagavan scrisse una volta per spiegare questo cuore spirituale in modo più dettagliato:

“Proprio come esiste un centro cosmico da cui tutto l’universo sorge e ha il suo essere e le sue funzioni con il potere o l’energia dirigente che emana da esso, così c’è anche un centro all’interno della struttura del corpo fisico in cui abbiamo il nostro essere. Questo centro nel corpo umano non è in alcun modo diverso dal centro cosmico. È questo centro in noi che è chiamato Hridaya, la sede della Pura Coscienza, realizzata come Esistenza, Conoscenza e Beatitudine. Questo è veramente ciò che chiamiamo il seggio di Dio in noi “.

Viceversa, il cervello-mente pensa alle nostre esperienze passate, alle credenze errate del passato assegnate a quelle esperienze, e intraprende ogni sorta di colpi di scena attraverso un panorama concettuale che abbiamo creato per darci una risposta “giusta” alle domande profonde della vita.

Un buddista Zen può anche descrivere cosa succede quando pensiamo con la testa (cervello) al posto del cuore.

Mettiamo una nebbia – un tipo di sovrapposizione percettiva in cima a una situazione e poi aggiungiamo un investimento emotivo. Chiamiamo questo “reale”, ma questo non potrebbe essere più lontano dalla verità.

Tuttavia, pensiamo di dover ottenere un siddhi (grande risultato o miracolo) per ottenere saggezza o intelligenza supernormali. Quindi, continuiamo a fidarci delle false percezioni del cervello-mente.

La Neuro-Biologia del Cuore
Inoltre, se dovessimo guardare alla semplice neuro-biologia del cuore – ci sono molte più fibre che portano dal cuore al cervello che dal cervello al cuore. Ciò significa – come Gregg Braden ha recentemente sottolineato in un discorso di Gaia – che c’è molta più comunicazione che viene inviata al cervello per poi essere ricevuta da esso.

Come spiega l’Istituto HeartMath, anche il cuore inizia a battere nel feto prima ancora che il cervello sia stato formato, un processo che gli scienziati chiamano autoritmico.

Anche noi umani formiamo un cervello emotivo molto prima di uno razionale, e il cuore ha il suo sistema nervoso complesso indipendente noto come “il cervello nel cuore”.

Il cuore può anche creare un livello di coerenza nel corpo attraverso il suo ritmo, che regola tutti i suoi sistemi e corregge anche le cellule malate.
E infine, il campo elettromagnetico del cuore è circa 60 volte più grande in ampiezza rispetto al cervello e permea ogni cellula del corpo. Il componente magnetico è circa 5000 volte più forte del campo magnetico del cervello e può essere rilevato a diversi metri di distanza dal corpo con magnetometri sensibili.

Come pensare con la saggezza del cuore
Ecco cosa suggerisce Braden per aiutarci a imparare a sfruttare la grande saggezza del cuore:

1- Concentrati sul cuore (e sul chakra del cuore). Questo invia un segnale al cuore che cerchi la sua intelligenza.
2-Rallenta la respirazione. Questo invia un altro segnale al tuo corpo che cerchi un’intelligenza superiore, e non quella dell’ego normalmente stressato e fuori di testa. La respirazione profonda calma il sistema nervoso e calma il cervello.
3-Congiura un senso di gratitudine, compassione o amore. Queste sono le sensazioni che innescano un’attivazione dell’energia del cuore.
4-Fai una domanda al tuo cuore. La domanda dovrebbe essere breve e pertinente.
5-Ognuno sperimenterà l’intelligenza del cuore in un modo un po ‘diverso. Potresti sentire delle farfalle nell’intestino, una sensazione di calore che cresce intorno al tuo corpo, o un formicolio alla punta delle dita. Potresti non provare sensazioni corporee, ma avere una risposta chiara e breve che passa attraverso la tua mente. Sappi che probabilmente non avrà bisogno di una lunga storia per “giustificare” la sua saggezza. Il cuore parla direttamente e chiaramente. Se non provi di nuovo questo processo, fai sapere al tuo corpo che cerchi l’intelligenza del cuore e non l’ego.
6-Practice rende perfetti. Quanto più spesso lo fai, tanto più facile sarà attingere alla sede della pura coscienza: l’Hridaya.

Fonte : https://themindunleashed.com
Fonte : https://prepareforchange.net/2019/02/06/how-to-start-thinking-with-the-heart/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...