I 4 più grandi Nemici dello Stato

“Non è una misura della salute adattarsi bene ad una società profondamente malata”. – Krishnamurti

Come sappiamo che la nostra società è profondamente malata?

– La nostra società inquina l’aria di cui ha bisogno per respirare.

– La nostra società inquina l’acqua di cui ha bisogno per bere.

– La nostra società inquina il cibo di cui ha bisogno per mangiare.

– La nostra società inquina le menti con le quali deve evolversi.

Qualsiasi sistema che costringa il suo popolo a respirare aria inquinata, bere acqua inquinata, mangiare cibo inquinato e poi continuare a fare tutte le cose che causano quell’inquinamento, è una società profondamente malata. È in questo modo fondamentale che lo stesso benessere umano è diventato il nemico dello stato. Lo statismo funziona solo con individui malsani e divisi. Non può continuare se le persone sono sane e connesse.
In breve:

– lo statalismo fallisce quando un numero sufficiente di persone raggiunge comunque un senso di benessere.

Quindi, se il benessere è il nemico dello stato, allora è ovvio che chiunque cerchi benessere è anche un nemico dello stato. Proprio come coloro che cercano salute, vitalità e libertà fanno bene ad essere disadattati in una società profondamente malata, coloro che cercano il benessere fanno bene a diventare nemici dello stato.

1- La libertà è il Nemico dello Stato

“Stato è il nome del più freddo di tutti i mostri freddi. Freddo mente; e questa menzogna scivola dalla sua bocca: “Io, lo stato, sono il popolo”. – Nietzsche

Non avere illusioni, la riduzione della libertà umana è affare dello stato. Ad ogni svolta, il Goliath dello stato alza la sua brutta testa, controllando la libera circolazione di individui altrimenti liberi. È una mostruosa Idra di potere esagerato, accanita nel mantenere la sua gente controllata, corrallata e contenuta sotto l’illusione della sicurezza e della sicurezza, e sotto la dilagante delusione della legge e dell’ordine. Nessuno stato-nazione del pianeta è veramente libero. Tutti sono falsamente e insinceramente “liberi”. Sono sempre e solo “liberi” all’interno della scatola malsana delle loro condizioni. Pertanto, non sono liberi. La vera libertà consente la libera circolazione delle persone e consente alle persone di governarsi sotto la guida della regola d’oro e del principio di non aggressione. Allora, che cosa è un umano ruspante da fare di fronte a una simile mostruosità? Diventa David contro Goliath. Diventa Heracles contro Hydra. Diventa un agnello ben armato che contesta tutti i voti. Diventa leone di leone nonostante tutti i vigliacchi. Ma prima devi controllarti. Devi essere libero. Se non sei libero, non puoi essere eroico. Devi essere libero per ottenere il tipo di coraggio necessario per diventare. Punto.

2- La regola d’oro è il nemico dello stato

“Vivi semplicemente perché gli altri possano semplicemente vivere.” – Gandhi

Lo statismo è l’antitesi della regola d’oro. Perchè è questo? Perché lo stato richiede che tu faccia l’un l’altro come lo stato richiede. Questo è l’opposto della regola d’oro.
Lo stato ti inganna nel credere che lo stato sia il popolo. Ma lo stato non è il popolo. È l’illusione di un popolo. Le persone sono composte da individui. L’individualità è fondata sulla libertà. Un’ulteriore libertà si basa su individui che consentono ad altri individui di essere liberi. Lo stato non consente alle persone di essere libere. Dà solo agli individui il “permesso” di essere liberi a certe condizioni, che è l’illusione della libertà. Se la libertà è il fondamento della regola d’oro, allora il consenso è la sua spina dorsale. Senza consenso c’è solo lo stupro. Affinché non permettiamo lo stupro, il consenso è fondamentale.
È semplice:

– La differenza tra rapina e buon mestiere è il consenso.

– La differenza tra omicidio e morte assistita è il consenso.

– La differenza tra lo stupro e un sano incontro sessuale è consenso.

– La differenza tra oppressione e libertà è consenso.

– La differenza tra coercizione e volontarismo è consenso.

Il consenso è tutto …
Se non voglio scambiare il mio dollaro per il tuo twinkie e tu mi rubi comunque il dollaro, è una rapina, perché non ho acconsentito.
Se non voglio fare sesso con te, ma comunque fai sesso con me, è uno stupro, perché non ho acconsentito.
Se sento che la tua legge arbitraria è immorale e mi costringi a seguirla comunque, è oppressione, perché non ho acconsentito.
Se non voglio rinunciare al mio sistema fiscale arbitrario, ma mi costringi a farlo comunque, è coercizione, perché non ho dato il mio consenso.
Per essere un essere sano, responsabile, morale e giusto, devi consentire agli altri di dare il loro consenso. Altrimenti, stai violando la regola d’oro.
Se i tuoi valori sono basati sulla violenza come soluzione ai problemi, i tuoi valori violano la regola d’oro.
Se i tuoi valori sono basati sull’ostacolare la libertà degli altri, i tuoi valori violano la regola d’oro.
Se i tuoi valori sono basati sul costringere le persone a darti dei soldi quando non hanno acconsentito, allora i tuoi valori violano la regola d’oro.
Linea di fondo:
Se i tuoi valori sono basati sulla violazione della regola d’oro, allora i tuoi valori sono immorali, ingiusti e malsani.

3- La NoNviolenza è il nemico dello stato

“Un occhio per occhio rende cieco il mondo intero.” Ma “Quando c’è solo una scelta tra codardia e violenza, consiglierei la violenza”. – Gandhi

Lo stato vuole che i cittadini violenti possano controllarli. Quando le persone sono nonviolente e compassionevoli verso l’altro, lo stato non ha una scusa per impedire la libertà (anche se continuerà a inventare scuse). Quando le persone sono violente e intolleranti verso l’altro, lo stato ha una ragione per impedire la libertà.
La nonviolenza è il nemico dello stato perché la soluzione dello stato a tutti i problemi è la violenza. Quando la sua cittadinanza arriva con soluzioni nonviolente, rende lo stato obsoleto. Ma lo stato lotterà sempre per mantenere il suo potere e controllo esagerato. Quindi, per non diventare obsoleto, deve mantenere la sua violenza.
L’unica cosa che può prevenire la violenza di stato è che le persone capiscono che lo stato non è il popolo, e dopo averlo capito, scelgono di essere nonviolenti nonostante la violenza dello stato. Il rovescio della medaglia, tuttavia, è l’autodifesa. La gente deve anche rendersi conto che solo loro devono difendersi dalla violenza. Che quella violenza provenga da un individuo, da un gruppo di individui o dallo stato. L’unico momento in cui la violenza è moralmente corretta è l’autodifesa.
Questo può diventare un’arma psicologica complicata. Ma, fondamentalmente, la violenza offensiva è malsana e immorale (la tirannia), mentre la violenza difensiva è sana e morale (giustizia).
Come diceva Albert Camus :
“La libertà assoluta deride la giustizia. La giustizia assoluta nega la libertà. Per essere fruttuosi, le due idee devono trovare i loro limiti l’una nell’altra “.

4- La pace è il nemico dello stato

“Non abbandonare mai la tua capacità di dubitare, riflettere e prendere in considerazione altre opzioni – la tua razionalità come individuo è la tua unica protezione contro la follia che può superare un gruppo.” – Robert Greene

Se il benessere, la salute, la libertà, la regola d’oro e la nonviolenza sono tutti nemici dello stato, allora cosa ti dice?
Sentiti libero di perdere la partita di wrestling tra il tuo ragionamento superiore e la tua dissonanza cognitiva. Aspetterò qui…
La linea di fondo è questa:
La guerra è l’unico modo in cui uno stato-nazione si mantiene. Eppure l’amore (pace, compassione, libertà, giustizia) è l’unico modo in cui gli esseri umani possono evolversi progressivamente in modo sano.
Lo stato è sempre in guerra:
– con se stesso, con i suoi cittadini, con altri stati …

Non c’è via d’uscita dalla sua rete di violenza nascosta se non la lasci indietro e diventi un umano ruspante. Per essere un amante dell’umanità bisogna diventare un nemico dello stato. La consapevolezza che per essere un uomo sano, morale e solo umano deve diventare un nemico dello stato, è una pillola dura da inghiottire.

– Non è per i deboli di cuore.

– Ci vorrà un ragionamento controintuitivo per capire a fondo.

– Ti richiederà di pensare al di fuori di qualsiasi scatola in cui sei stato condizionato per pensare per la maggior parte della tua vita.

– Ti costringerà a lavare il lavaggio del cervello.

– Comporterà la riprogrammazione della tua programmazione.

– Richiederà che tu metta in discussione la società profondamente malata in cui sei nato

Soprattutto, richiederà audace coraggio di fronte alla comoda vigliaccheria. Ma, come affermava saggiamente Ralph Waldo Emerson :
“Un uomo deve comportarsi in presenza di ogni opposizione. Dovrei andare dritto e vitale e parlare la verità scortese in tutti i modi. La tua bontà deve avere un certo margine, altrimenti non è nessuno. “

Fonte : https://www.bibliotecapleyades.net
Fonte : https://www.prepareforchanges.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...